I consigli di chi ha superato il test,

approfondimenti, strategie e metodo di studio. Wau!

Istruzioni per la ricerca nel Blog:

  • inserisci le parole più rilevanti
  • fai precedere da un + le parole che DEVONO esserci (esempio: lavoro ospedale +chirurgo)
  • fai precedere da un - le parole che NON DEVONO esserci (esempio: lavoro ospedale -magazziniere)
  • racchiudi tra doppi apici le frasi che vuoi vengano cercate così come sono (esempio: "test di ingresso a Medicina del 2016")
  • sostituisci una o più lettere con un asterisco per cercare tutte le possibili combinazioni (esempio: radio* troverà radio, radiologo, radiologa, radiologia, radiofaro ecc.)

I 5 benefici delle simulazioni dei test di ingresso

Postato il 24 Ottobre 2016 da almy@tin.it

Fare simulazioni continue e graduali è il metodo migliore per prepararsi al test di ingresso 2016.
 
simulazioni test ingresso ammissione

I test di ammissione sono ancora lontani e settembre 2017 sembra solo un miraggio.
Chi ha già le idee chiare sul proprio futuro sa molto bene che è meglio portarsi avanti per prepararsi al meglio.
Se sei tra questi, ti conviene fare l’inventario degli strumenti che hai a disposizione. Ecco perché le simulazioni sono tra le armi migliori.  

NO-PANICO.

Non sarai il primo e nemmeno l'ultimo a provarci, ma sarebbe gratificante per te riuscire al primo tentativo. A tuo favore hai un grande strumento dal quale trarrai grandi benefici: la simulazione del test di ingresso.

1. Affronta il nemico

Da quando hai deciso quale percorso universitario intraprendere non fai altro che pensare al test di ingresso come un mostro a tre teste.

SBAGLIATO!

La simulazione ti aiuterà ad avere un primo contatto con il test, capirai quante preoccupazioni inutili ti assillano, ti metterai a confronto con le tue conoscenze, con i tuoi possibili dubbi, con le tue lacune. Soltanto conoscendole con precisione potrai colmarle. Non procedere alla cieca.

Le domande alle quali dovrai rispondere non saranno il nemico, ma uno sconosciuto con il quale fare  conoscenza a poco a poco. Simulare continuamente, metterti costantemente alla prova, ti farà avvicinare al test come a un amico di vecchia data. Senza paura.

2. Familiarizza con la struttura delle domande

La simulazione sarà fondamentale affinché il giorno del test tu non cada come una pera dall'albero non appena leggerai le domande.

Sai bene che ogni quesito prevede la scelta di una risposta tra le alternative proposte. Una sola delle cinque è quella giusta.

Alla maggior parte delle domande risponderai affidandoti alle tue conoscenze e a quanto hai studiato, ma dal momento che sei umano potresti avere delle lacune o dei dubbi.

Ragiona! Non essere frettoloso, prenditi il tuo tempo, fai i tuoi ragionamenti, i tuoi calcoli. Osserva la struttura della domanda. Escludi la risposta totalmente estranea al gruppo, focalizzati su quelle simili. Se la memoria non ti viene in aiuto, usa il cervello.

Solo grazie all’esercizio delle simulazioni potrai risparmiare molto tempo. Riconoscerai subito la struttura della domanda e giungere alla risposta corretta sarà più semplice.

Sei curioso di sapere di più? Leggi questo articolo per capire come analizzare i quiz.

3. Individua i tuoi punti di forza e debolezza

So bene che stai studiando, che passi molto tempo chino sui libri, ma non sempre riesci a individuare ciò in cui eccelli e ciò in cui sei carente.

La simulazione ti aiuterà a capire qual è il tuo tallone d'Achille, sarà una palestra nella quale potrai allenarti per rinforzarti. Potrai capire come distribuire in modo ottimale i tempi di studio, dedicando più attenzione agli argomenti che durante la simulazione per te si sono rivelati ostici.

Adesso focalizza il tuo studio sui punti da migliorare e poi esercitati ancora. Vedrai subito un miglioramento.

simulazione test ingresso ammissione ione test ingresso ammissione

4. La gratificazione è la motivazione migliore

Ehi, se la prima simulazione dovesse andare male non scoraggiarti!

Prendi il fallimento come un punto di forza, una caduta dalla quale ti rialzi più forte. La simulazione è tua amica più di quanto immagini, ti aiuta a dividere le conoscenze assodate da quelle sulle quali devi ancora lavorare. Focalizzati sugli argomenti che ti hanno dato problemi, riprendi in mano i libri e affronta con più grinta lo studio!

Sii il coach di te stesso, puoi solo far meglio!

Arriverà anche una buona dose di appagamento, perché il tuo studio e il tuo impegno non sono stati vani. Grazie alla simulazione otterrai anche i frutti del tuo studio. Ti metterai a confronto con il risultato dei tuoi pomeriggi di studio, potrai toccare con mano quanto appreso, sarai sorpreso da quanti argomenti hai assimilato.

Sarà gratificante, te lo assicuro. Il tuo successo sarà il motore per continuare a impegnarti.

5. Combatti l'ansia

Pensa quanto sarebbe stato d'aiuto, a scuola, avere una simulazione prima di ogni compito o prima di ogni interrogazione.

Pensa a quanti mal di pancia avresti evitato. Pensa a quante volte sei arrivato davanti al foglio del compito di matematica e gli argomenti trovati sono stati per te una doccia fredda! La simulazione del test ti aiuta a non cadere nel vuoto, perché inizi a conoscere con il tempo il terreno sul quale ti muoverai.

Sarà grazie alle varie simulazioni, al provare e riprovare, che arriverai al tanto temuto giorno del test senza temerlo. Sarai sicuro di te stesso e delle tue conoscenze e l'ansia sarà solo un ricordo.

 

Allora, cosa aspetti?

Mettiti subito alla prova con la simulazione gratuita che Wau ti regala, registrati al sito e prova la demo.

 
Alessia Tripodo

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Hai un metodo? Guida per chi si avvicina al mondo dei test universitari

Superare il test di ammissione: le armi che non sai di avere.

I caratteri ereditari