I consigli di chi ha superato il test,

approfondimenti, strategie e metodo di studio. Wau!

Istruzioni per la ricerca nel Blog:

  • inserisci le parole più rilevanti
  • fai precedere da un + le parole che DEVONO esserci (esempio: lavoro ospedale +chirurgo)
  • fai precedere da un - le parole che NON DEVONO esserci (esempio: lavoro ospedale -magazziniere)
  • racchiudi tra doppi apici le frasi che vuoi vengano cercate così come sono (esempio: "test di ingresso a Medicina del 2016")
  • sostituisci una o più lettere con un asterisco per cercare tutte le possibili combinazioni (esempio: radio* troverà radio, radiologo, radiologa, radiologia, radiofaro ecc.)

Vita universitaria: cosa succede dopo aver superato il test di ammissione

Postato il 24 Ottobre 2018 da almy@tin.it

 

Cosa succede dopo aver superato il test di ammissione a medicina, professioni sanitarie, veterinaria? Ti si sono spalancate le porte di un nuovo mondo...è cominciata la tua vita universitaria! Il primo giorno da matricola è sicuramente uno dei momenti più emozionanti: un mix di paura, ansia ed eccitazione! Ecco il racconto del primo giorno di università di tre brillanti studentesse che, dopo essersi preparate con WAU!, hanno superato il test di ammissione e stanno frequentando i corsi medico-sanitari.

 

Ciao a tutti! Siamo tre studentesse di facoltà medico-sanitarie: Elisabetta, Laura e Ilenia. Lo scorso anno, come voi in futuro, abbiamo dovuto affrontare il test di ammissione. Siamo qui perché, coscienti di quanto duro e faticoso sia avere un sogno così grande e dover affontare un lungo percorso per arrivarci, vogliamo condividere con voi un po' di ciò che succederà dopo quel fatidico momento in cui aprirete quella "dannata" pagina web e scoprirete di essere stati ammessi alla facoltà dei vostri sogni. Speriamo che questi articoli vi possano far capire che tutta la fatica verrà ripagata!

 

Le prime ore di vita universitaria 

Per alcuni di voi il primo giorno di vita universitaria sarà nella propria città, per altri in un posto nuovo: la paura, l'ansia e le emozioni saranno comunque le stesse.

Ore 7.00: suona la sveglia (per le ragazze 6.00 perché sono richiesti preparativi speciali ), apri gli occhi e ti rendi conto che il primo giorno di università è arrivato! Aiuto! Per i più precisi i vestiti saranno già sulla sedia ad aspettarvi dalla sera prima, per chi non teme la confusione mattutina, oltre a doccia e colazione, sarà necessario uno sforzo maggiore, ma niente panico: l'importante è non andare in mutande. 

Ore 8.00: varchi la soglia di casa pronto per questa nuova avventura. Nel tragitto che ti separa dall'inizio della tua vita universitaria  si susseguiranno una serie di emozioni tra cui tanta ansia: ”chissà come saranno i miei colleghi, i professori…”; eccitazione: ”finalmente saprò cosa significa essere uno studente universitario!”; paura: ”sarò in grado di affrontare tutte le difficoltà?”, gioia: ”è arrivato il mio momento!”.

Ore 8.30: inizio della lezione (in realtà 8.45 per i professori, scoprirete una cosa chiamata "quarto d’ora accademico"). Il docente entra in aula…* zan zan zan*… Parte subito in quarta spiegando come si svolgerà il corso, quali saranno le modalità di esame. Dentro di te stai pensando: "ma di cosa sta parlando?".

Dopo cinque minuti di paroloni e sguardi persi, inizi a capire qualcosa del suo discorso. È sempre difficile il primo impatto con l’approccio di un docente universitario, non abbiate timore: a lui interesserà solo che voi studiate!  La prima lezione finisce e finalmente arriva la pausa! 

 

I primi momenti di vita universitaria 

Esci dall’aula, ti guardi intorno e inizi già a sentirti a casa: sei dove dovresti essere...la tua vita da studente universitario è ufficilamente iniziata!

Scambi due parole con alcuni colleghi: Mario da Roma, Federico da Milano, Giovanna da Cagliari e infine riconosci Sara, la tua compagna di classe delle medie (lei non sarà l’unica faccia conosciuta, ma cerca comunque di fare amicizia con tutti, questa è la nota bella dell’Università)… adesso è ora di rientrare.

Le ore passano, le lezioni pure. L'ultimo professore della giornata, dopo tanti sbadigli osservati in aula, annuncia la fine della lezione.

Parte un terremoto tra i banchi: Sara si alza di scatto, Mario butta astuccio e quaderno alla rinfusa nello zaino, in un attimo ti ritrovi fuori in corridoio in mezzo a un mare di colleghi e dietro di te Federico dice: ”Chi c'è per un ape?".

Dopo aver scelto il bar vicino alla facoltà (che diventerà quello di fiducia), vi siederete e inizierete a conoscervi, a raccontarvi la personale esperienza del test di ammissione, opinioni e impressioni della giornata, creerete il gruppo whatsapp… e ad un certo punto, in mezzo alla confusione di una tavolata di dodici persone, con accenti da Nord a Sud, ti fermerai a riflettere e realizzerai: il primo giorno di università è finito!

 

A presto con un altro articolo scritto dalle nostre tutor!

 

Leggi anche:

Gli esami di medicina: cosa ti aspetta il primo anno

Come prepararsi al test per entrare a medicina: i consigli di Elisabetta e Federico, prima e secondo in graduatoria a Sassari