Chat with us, powered by LiveChat

L’incredibile test medicina 2016: l’analisi di una “graduatoria ghigliottina”

Questo test 2016 è stato una sorpresa sin dal principio. Un decreto poco chiaro se confrontato con quelli degli anni scorsi in cui almeno sapevamo cosa aspettarci, un test che cambia rotta in tutto ed una graduatoria che ha dell’incredibile! Lo ammettiamo, siamo scioccati e increduli di fronte ad un Ministero che ogni anno supera le nostre aspettative e ad un test completamente diverso e ora ci ritroviamo costretti ancora una volta a stare in un limbo misto di adrenalina e malcontento. 

Molta competizione quest’anno, infiniti ex aequo e davvero troppi 90/90. Ancora non si può prevedere cosa accadrà il 4 ottobre e agli scorrimenti, ma si preavvisa un esodo di studenti dal Nord al Sud Italia.
Di seguito un’analisi sulla graduatoria dell’Ing. Gaspare Serroni di Tutor Up, centro di preparazione ai test che opera a Napoli e in numerose città della Campania:

“Dalla graduatoria complessiva nazionale ordinata su tutti gli Atenei è possibile trarre alcune ipotesi.
Si tratta pur sempre di ipotesi, dal momento che non è possibile prevedere le scelte che sono state inserite dai partecipanti.
In primo luogo c’è da precisare il numero di posti disponibili. Spesso si legge in giro di 9224 posti a medicina e 908 ad odontoiatria. Questi numeri sono viziati dalla presenza dei posti destinati ai corsi in lingua inglese e dai posti destinati alle Private.
In realtà, da bando, i posti disponibili sono 8372 per medicina ed 843 per odontoiatria per un totale di 9215 posti.

Si può dar luogo, quindi ad alcune considerazioni.
C’è da premettere che non conoscendo le scelte effettuate da ciascun concorrente circa le sedi preferite, possiamo solo ipotizzare la possibilità di posti disponibili sulla propria prima scelta nel momento in cui la graduatoria arrivi a toccare la propria posizione.

Per fare questo abbiamo due scenari possibili uno evidenziato in verde ed uno in azzurro.
Nello scenario in verde si fa riferimento a tutti i posti disponibili sia di medicina che odontoiatria, utilizzando, quindi, i 9215 posti.
Si considera, pertanto, che l’allievo abbia espresso tutte le scelte possibili, o meglio, che dopo aver indicato come sede 1 la sede Medicina ateneo X, avrà indicato lo stesso ateneo come sede 2 ma riportando Odontoiatria.
In questa ipotesi il punteggio minimo che garantisce l’accesso ad un qualsiasi ateneo di Medicina o Odontoiatria in Italia è di 64.1 punti.
Nella Tabella Riepiolgo SEDI, nelle colonne in Verde sono quindi riportati per ciascun Ateneo:
– Numero di Concorrenti classificatisi nei 9215
– La posizione dell’ultimo concorrente che rientri nei 9215
– Il punteggio dell’ultimo concorrente di ciascun Ateneo che rientri nei 9215 (Che non rappresenta il punteggio minimo per quell’Ateneo)
– il numero presunto di concorrenti che potrebbero immatricolarsi in quell’ateneo come prima scelta
– in numero presunto di posti disponibili escludendo le prime scelte.

Proprio su questo valore deve essere concentrata l’analisi: ritenendo, infatti, che chi abbia in prima scelta un determinato ateneo si immatricoli lì, resteranno un determinato numero di posti disponibili che saranno riempiti dai concorrenti in esubero su altri Atenei.
Tolte le prime scelte resteranno disponibili 5405 posti che saranno assegnati in ordine di graduatoria sulla base delle scelte effettuate.
Per capire, quindi, la possibilità di entrare o meno in un determinato Ateneo bisognerà tener conto del numero di persone potenzialmente prenotabili su quell’ateneo ein funzione del numero di posti ancora disponibili.

Nello scenario evidenziato in azzurro si sono presi in considerazione gli stessi valori, ma riferiti agli 8372 posti di Medicina.
Si tratta, quindi, di un’ipotesi più restrittiva ed infatti il risultato è che per essere certi in una qualsiasi delle facoltà medicina è necessario aver totalizzato 65.2 punti. in questa seconda ipotesi, inoltre, associando a ciascun concorrente la propria prima scelta, resteranno disponibili 4992 posti da assegnare per secondo le preferenze espresse.

Nel file della graduatoria sono riportate le colonne:
 Pos. Esubero Proprio Ateneo (M+O) rappresenta il numero di persone in esubero nel proprio Ateneo che precedono
– Esuberi che precedono (M+O) Rappresenta il numero di esuberi totali che precedono
 Prima Scelta (M/O) Si ipotizza la possibilità di essere assegnati alla propria prima scelta (considerando tutti i posti disponibili di medicina ed Odontoiatria)
 Posti Da Assegnare Rappresentano, per ogni posizione in graduatoria i posti che non saranno assegnati in prima scelta e sottoposti alle preferenze dei concorrenti
 Persone che precedono nella scelta Rappresenta il numero di persone che precedono in graduatoria. Se questo numero viene rapportato al numero di posti da assegnare si può avere una stima delle possibilità che si hanno di essere ammessi ad una delle facoltà di Medicina o odontoiatria.

Nelle colonne in VERDE questi numeri sono rapportati alla totalità dei posti di Medicina ed Odontoiatria; nelle colonne in azzurro viene rapportato solo ai posti di medicina.

La situazione reale potrà essere intermedia tra le due, anche se eliminando le schede anagrafiche non firmate, e eliminando le persone che non hanno inserito tutte le scelte, la graduatoria potrebbe andare avanti già il 4 ottobre. Lo scorso anno, in prima battuta è andata avanti di 1100 posizioni, e al primo scorrimento la settimana successiva di altre 500 posizioni, questo potrebbe far sperare fino ai 61.1 punti di poter essere ripescati in una delle sedi in Italia (sopratutto ad Odontoiatria), anche se le tempistiche potrebbero essere molto lunghe.”

Per info e chiarimenti sull’analisi è possibile contattare l’ing. Gaspare Serroni al prorio profilo Facebook: https://www.facebook.com/TutorUpGaspareSerroni

WAU

WAU

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU

RESTA AGGIORNATO

Ricevi tutte le ultime novità per prepararti al meglio al test