Chat with us, powered by LiveChat

Manca un mese al test d’ingresso: come affrontare le ultime tappe del percorso

sim

Ecco i nostri consigli per organizzare al meglio il tempo che ti rimane e perfezionare la tua preparazione. 

Siamo agli sgoccioli, come ti senti?
Io, esattamente un anno fa, la tensione la sentivo proprio tutta. E non solo: più mi sentivo teso, più studiavo e mentre studiavo mi accorgevo di sapere meno di quanto avrei voluto.

È normale, questa sensazione inevitabile ti accompagnerà per parecchi anni nei giorni che precederanno tutti i tuoi esami, ma sappi anche che è proprio questa tensione a non farti mancare il bersaglio. Ciò che è importante è non farsi dominare dall’insicurezza e prendere le redini della situazione.
Per superare il test non è necessario, né troppo utile, conoscere ogni sfaccettatura del programma. A distanza di un mese è importante rendersi conto del proprio livello di preparazione, così da scegliere la strategia migliore per sostenere un buon test e raggiungere il proprio obiettivo.

A tal proposito, hai già partecipato alla simulazione nazionale gratuita che Wau ti offre dal 27 luglio al 10 agosto? Mancano pochi giorni, non aspettare oltre! Potrai metterti alla prova e capire qual è il tuo livello rispetto agli altri studenti italiani.

Bene, hai capito a che punto sei della tua preparazione? Fai un bel respiro e non dare di matto. Manca un mese, non è ancora finita. Ora proviamo ad analizzare insieme come procedere.

Considera le priorità

Come dicevamo, è tempo di fare un bilancio.
Se ciò che hai capito è che non saresti ancora in grado di rispondere correttamente alla maggior parte delle domande di biologia e di chimica, il problema potrebbe risiedere verosimilmente nel mancato studio o nella comprensione incompleta di alcune parti del programma di queste materie. Considera che sono due costituenti corpose del test ed è impensabile affrontare la prova senza sentirsi ferrato in merito. Non solo, le basi che creerai preparandoti per il test saranno fondamentali per affrontare anche il primo anno di Medicina!
Certo, un mese non è poco, ma capirai che non è sufficiente a studiare integralmente il programma di chimica e biologia, abbinare questo agli esercizi ed alle simulazioni. Né tantomeno sarebbe utile, in quanto voler studiare ogni argomento da capo significherebbe non soffermarsi abbastanza su alcuni punti chiave del programma ministeriale.

Quello che io ti consiglio di fare è dunque dare spazio alle priorità.
Tempo fa mi occupai di individuare per te gli argomenti presenti con la maggior frequenza nelle prove di ammissione le parti di programma a cui il ministero sembra essere più affezionato. Io credo che la mossa giusta da fare sarebbe concentrarsi al massimo su questi, così da riuscire a rispondere ai quesiti sicuramente presenti in merito.
Non dimenticare di scartavetrarti il lobo frontale di esercizi, è fondamentale e non c’è neppure bisogno che io te lo ricordi.

 Quello su cui però mi sento di insistere è: non sottovalutare la logica. In troppi credono che questa sia una materia che non vada “studiata”, ma non è affatto vero. Semplicemente lo studio di questa non va fatto sui manuali di teoria, quanto invece sugli eserciziari. Ne esistono a bizzeffe, ti basta visitare il nostro sito web.

Hai già studiato tutto il programma del test?

Se sei tra chi ha investito tempo sulla propria preparazione già da un po’, è possibile che tu abbia già studiato tutti gli argomenti del test. Bene! Ora hai modo di approfondire e di alzare la media nazionale della prova.
Scherzi a parte, non farti ingannare dall’aver già trattato il programma, perché questo è davvero vasto e, ad un mese dal test, è verosimile che alcuni argomenti vadano impolverandosi troppo. Sai bene che questo non può accadere e dunque ti spiego la strategia che secondo me è più efficace nel tuo caso.
Un mese è tanto tempo a tua disposizione, quindi è tempo di esercitarsi, di simulare e di approfondire gli aspetti che ti stanno più a cuore e che credi potrebbero metterti maggiormente in difficoltà. C’è sempre una domanda che speri non ti venga fatta all’esame, no? Tu ora hai la possibilità di sfuggire a questa trappola.

Ogni giorno prendi carta e penna e risolvi i quesiti di chimica, di logica, esercitati con i calcoli così da diventare più veloce e ogni volta che incontrerai una domanda particolarmente ostica cerca una risposta esaustiva. Se non trovi spiegazioni soddisfacenti non esitare a chiedere e proverermo sempre ad aiutarti. Non perdere la concentrazione e vedrai che i sacrifici fatti fino ad ora verranno ripagati.

manca un mese

Utilizza tutti gli strumenti a tua disposizione

Arrivati a questo punto, c’è la possibilità che tu ti senta non solo disperato, ma anche annoiato a morte.
Quando si passano mesi e mesi a parlare sempre della stessa cosa, a fissare sempre le stesse pagine dello stesso libro, arriva inesorabilmente il momento in cui vorresti prendere tutto e buttare gli appunti dalla finestra.

Okay, respira. Puoi variare sul tema, puoi utilizzare strumenti diversi dai soliti libri. Gruppi di studio, giochi di logica, simulazioni, esercitazioni, il nostro #quizziamo settimanale, canali Youtube di ripasso.

A proposito, hai già guardato le mini-lezioni di Wau? Le #pilloleWau sono l’antidoto perfetto contro noia, dubbi e pigrizia: ti aiuteranno a studiare, capire i dettagli che avevi riposto nel cassetto dei dubbi senza fare particolare sforzo. Se vuoi saperne di più, qui troverai un articolo dedicato con il calendario completo di pubblicazione. Se vuoi iniziare a guardarle, puoi trovare le #pilloleWau:

Circondati di persone, più che di libri di preparazione

Se c’è una cosa che non mi stancherei mai di ripetere e di consigliarti è di confrontarti continuamente con i tuoi futuri colleghi. È davvero fondamentale e io stesso oggi devo una buona parte della mia preparazione e della mia riuscita allo studio condiviso e al continuo contatto con amici sulla stessa lunghezza d’onda e con le mie stesse paure e obiettivi simili ai miei. Entrando a far parte di gruppi di studio sui social network potrai aiutare gli altri a risolvere quesiti con cui hanno difficoltà e tu stesso potrai chiedere aiuto a loro. Cercare di rispondere ai quesiti che i tuoi compagni di studio porranno è un’occasione per non perdere mai l’allenamento anche su argomenti che magari ritenevi scontato conoscere.

Ti saluto lasciandoti due collegamenti ai gruppi di studio più attivi sul social!
Già ne fai parte? Che cosa aspetti?

  1. il gruppo esclusivo di WAU!
  2. lo spazio di confronto targato Pro-Med

                      

  

 


Enrico Armiento

Enrico ArmientoHo 19 anni e da altrettanti il mondo mi incuriosisce. Suono la chitarra e, quando ho tempo, studio Medicina. 
Dicono che io sia bello, intelligente, simpatico… chi sono io per dissentire? Dopotutto sono WAU.

 

 

 

WAU

WAU

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU

RESTA AGGIORNATO

Ricevi tutte le indiscrezioni e le ultime novità per prepararti al meglio al test