Chat with us, powered by LiveChat

Tutti i quiz del test di ingresso a Medicina degli anni precedenti: dove trovarli e come usarli

14471106513_7af0534abd_b

Sapere come il Miur ha impostato il test di ammissione fino ad oggi ti aiuta a capire cosa aspettarti il tuo giorno X.

Anche tu hai deciso di affrontare il test di ingresso quest’anno? Bene!
Come puoi immaginare la strada che ti appresti a percorrere per prepararti al meglio non è per niente semplice, ma con il giusto approccio e gli strumenti opportuni sono sicuro che ben poco ti separa dal successo.
Sai già come muoverti per gestire al meglio il tuo tempo? Se hai bisogno di qualche altro utile consiglio io sono qui apposta.
Oggi voglio parlarti in particolare di uno dei tanti strumenti su cui puoi fare affidamento, spesso sottovalutato, ma secondo me davvero potente: i test ufficiali degli anni passati.  

Dove puoi trovare i quiz degli anni precedenti?

Tra tutto il materiale utile per la preparazione, quello che si trova in rete è davvero tanto sia in quantità che in qualità, se sai come utilizzare ciò che il web ti propone. Ti spiegherò tra poco, spero chiaramente, i vantaggi che puoi trarre dal consultare le prove già svolte, ma prima ti indico dove le puoi trovare.
Scaricare le prove ministeriali è gratis ed è molto importante. Sebbene non sia sempre semplice trovarle online, ci sono eccome!
Il Ministero già poco dopo il termine del test di ingresso mostra le risposte corrette ai quesiti proposti così che i candidati possano calcolare, almeno approssimativamente, il punteggio che hanno conseguito.
Fino ad oggi il Ministero ha pubblicato ogni anno un file in formato pdf in cui compare l’intera prova di ammissione con i quiz e le relative alternative di risposta, ordinate in modo che la lettera A di ogni quesito corrisponda a quella corretta.
Inutile dirti che il giorno del test ne ho sentite delle belle! Alcuni studenti erano convinti che fino ad oggi ogni domanda del test avesse avuto come risposta corretta la A.
Non è così! Il Miur riordina in seguito i quesiti solo per lo scopo che ti ho indicato. Non farti ingannare, mi raccomando.

In rete puoi trovare i test ministeriali dal 2000 al 2015 con le soluzioni mescolate: in questo modo puoi sfruttare questi come vere e proprie simulazioni. Ciò che ti consiglio di fare, ovviamente, è di simulare il più possibile.  

Perché è utile consultare i test di ammissione ufficiali già proposti?

Sono veramente tante le simulazioni del test di ammissione che circolano in rete e ti consiglio di sfruttare l’opportunità di misurartici. Tuttavia nessuna simulazione, secondo me, potrà essere mai tanto credibile quanto invece sono le prove ufficiali che il Ministero ha scelto di assegnare ai candidati gli anni passati.

Poter “studiare” un test ufficiale ti mostra l’impostazione che il Miur ritiene efficace per la selezione. Nessun simulatore, per quanto credibilmente ci si possa avvicinare, saprà costruire una prova che metta in atto i criteri di selezione scelti dal Ministero. Studiare un test vuol dire proprio questo: prendere dimestichezza con la sua realtà, imparare dagli errori che commetti, sviluppare la tua velocità di calcolo e di risposta ai quesiti.

Tutto questo è possibile proprio grazie alle simulazioni, che dovrebbero essere lo strumento fondamentale della tua preparazione.

Prova a svolgere periodicamente una simulazione dei test ufficiali
e, partendo dal punteggio che hai ottenuto, trai delle considerazioni.
Puoi innanzitutto constatare il livello di difficoltà delle prove ministeriali, al di là di ogni previsione sulla presunta maggiore o minore difficoltà della prova che dovrai svolgere. Fidati dei fatti e di ciò che vedi con i tuoi occhi. Sei tu a dover svolgere il test.
Un secondo passo che puoi fare è confrontare il tuo punteggio con quello dei candidati al test di quel preciso anno e puoi addirittura renderti conto se, verosimilmente, saresti risultato tra gli ammessi.

Ma attento, perché un buon punteggio non è sempre indice di successo. A casa, lontano da fonti di stress e da ansia da prestazione, non puoi simulare condizioni assolutamente credibili. Chiaro, no?

Il giorno del test, ebbene si, è un po’ diverso. Ecco perché è necessario arrivarci pronti ed allenati.

tela ragno

Costruisci la tela prima del ragno

Sono sicuro che se ti proponessi un libro del tuo scrittore preferito senza farti vedere la copertina sapresti riconoscere l’autore esclusivamente dal suo stile inconfondibile. Non è vero? Con un po’ di sano allenamento ci si riesce eccome.

È proprio questo che io ti consiglio di fare, ma al contrario. Studia il “nemico” e cerca di prevedere le sue mosse. Non è facile, ma ti assicuro che è possibile.
Non solo, è assolutamente efficace ai fini del superamento del test di ammissione. Infatti aspettarsi una domanda posta in una forma piuttosto che in un’altra ti aiuta a rispondere più velocemente e in modo corretto.
Ti faccio un altro esempio: dopo qualche anno di liceo credo che tu conosca abbastanza bene i tuoi amati professori. So per certo che hai spesso cercato di prevedere le domande che ti potessero fare alle interrogazioni! Io lo facevo praticamente prima di ogni verifica e, sebbene non ci riuscissi sempre, lo trovavo davvero utile per prepararmi. Le volte che ci azzeccavo, poi, era tutto facile.  
Quindi guarda i vari quiz, ma vai oltre le semplici domande. Cerca di cogliere uno schema, una logica che viene seguita anno dopo anno. È difficile, lo so. Ma le cose semplici difficilmente danno soddisfazioni.
Mi viene in mente un altro esempio: hai presente il film “Il collezionista di ossa”? Ecco, fa proprio al caso nostro. Ciò che l’ispettore fa è analizzare tutti i delitti di un serial killer, studiarne le scene del crimine e i particolari spesso tralasciati, al fine di conoscere in anticipo le mosse dell’assassino. E se tu provassi a metterti per un po’ nei panni di quell’ispettore? 
Ti svelo un segreto: Il Miur è più prevedibile di quanto non sembri.  

 

Sfrutta i miei semplici consigli e studiare per l’ammissione sarà più semplice e stimolante.

Hai qualche consiglio o trovi qualche difficoltà particolare in cui vuoi essere aiutato? Non esitare a farmelo presente nei commenti qui in basso. Dopotutto anche questo può essere un valido strumento, non credi?

 

 Enrico Armiento

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Non ho superato il test di ingresso a Medicina! E adesso?

Mancano 9 mesi: come organizzare il tuo tempo per prepararti al test di ammissione

Come capire se Medicina fa per te

 

WAU

WAU

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU