Funzioni del fegato: cos’è, struttura e come funziona

funzioni del fegato

Seguici sui social

Se il tuo sogno è studiare medicina o professioni sanitarie, dovrai avere delle buone basi di biologia e soprattutto anatomia. Un organo molto importante del corpo umano è il fegato, che funziona come un filtro contro le tossine e aiuta a proteggere il sistema immunitario. Ma queste sono solo due delle tante funzioni del fegato.

Ecco quali sono le più importanti funzioni del fegato e come è strutturato, tutte informazioni che ti aiuteranno a passare i test di ammissione, ma anche a fare scelte di vita più sane.

Vuoi studiare al meglio anatomia e tutti gli altri argomenti presenti nel test di medicina, veterinaria, professioni sanitarie?

Partecipa ai corsi di preparazione ai test di ammissione di WAU!:

il 70,9% dei nostri corsisti supera il test.

Che cos’è il fegato

Il fegato è una ghiandola, la più grande del corpo umano ed è anche l’organo più complesso, in quanto ha tanti ruoli in anatomia, come imparerai grazie a questo articolo.

Inoltre, è un organo capace di autorigenerarsi in caso di parziale rimozione chirurgica o necrosi, un meccanismo del quale non si conoscono ancora tutti i dettagli.

Una curiosità. Nell’Unione Europea opera l’EASL, l’Associazione Europea per lo Studio del Fegato, che pubblica ogni anno un report con gli studi più recenti e le linee guida sul funzionamento e sulle patologie del fegato per i professionisti della salute.

Struttura del fegato

Il fegato è composto da 4 lobi.  Il lobo destro è il più voluminoso, mentre il lobo sinistro ha un volume pari a circa la metà del destro, è più sottile, e ha una forma triangolare.

Il lobo quadrato si trova sulla superficie posteriore del fegato ed è funzionalmente correlato al lobo sinistro. I suoi confini sono a destra la fossa cistica e la colecisti, superiormente l’ilo epatico, lateralmente il legamento rotondo.

Il lobo di Spigelio è una sporgenza della superficie posteriore del fegato ed è funzionalmente correlato anch’esso al lobo sinistro.

Di quali cellule è composto il fegato? Gli epatociti, che raggiungono l’80% del volume dell’organo, sono dei cordoni di cellule epatiche legate all’attività metabolica. Ci sono anche le cellule stellate o di Ito, che permettono la rigenerazione del fegato, grazie alla formazione di collagene e reticolina a partire dalla vitamina A.

Il nostro fegato si sviluppa già nella fase embrionale a partire dall’intestino medio ed è il principale produttore di globuli rossi nel feto, in attesa della formazione del midollo osseo. Il peso del fegato in un corpo adulto è di circa 1 – 1,5 kg.

Le dimensioni del fegato sono 24-28 cm ed è irrorato dal sangue trasportato dall’arteria epatica, il principale vaso arterioso del fegato.

Dove si trova il fegato

Chi sente dei dolori nell’area addominale, si trova spesso a interrogarsi sulla posizione del fegato.

Si trova a destra nella parte più alta della cavità addominale, ed è posizionato sotto il diaframma e vicino al colon trasverso e allo stomaco, al di sotto del tratto destro della gabbia toracica compreso tra la VI e l’XI costola.

Cosa produce il fegato

Essendo una ghiandola, il fegato fa parte del sistema endocrino ed è importante nella produzione di ormoni e altre sostanze. Uno degli esempi è la bile prodotta dal fegato, fondamentale per la digestione dei grassi, ma anche un importante deposito di glicogeno, che mantiene stabili e costanti i livelli di glucosio ematico.

Dal colore della bile, nella maggior parte dei casi, si può capire se un individuo abusa di alcol. Infatti, di solito il colore della bile in caso di alcolista è sui toni del nero, invece del normale colore verdastro.

fegato anatomia
Disegno sulle funzioni del fegato tratto dal manuale di biologia Simone WAU!

Funzioni del fegato

Vediamo nel dettaglio quali sono le funzioni del fegato e perché è di vitale importanza prendersi cura di questo organo del nostro corpo. Elencare tutte le funzioni del fegato sarebbe impossibile qui, sono davvero tante, ecco le più importanti. Il fegato:

  • produce la bile che serve per l’assorbimento dei grassi nell’intestino;
  • è un deposito di emergenza per ferro, rame e vitamina B12;
  • è coinvolto nella produzione di fattori di coagulazione, come trombina e fibrinogeno;
  • si occupa della sintesi del colesterolo, essenziale per la vita delle cellule;
  • è l’organo in cui avviene la gluconeogenesi, la formazione del glucosio che serve per nutrire le cellule del corpo;
  • è responsabile della distruzione delle sostanze che hanno esaurito la loro funzione, come l’emoglobina e l’ammoniaca, grazie a delle cellule particolari, le cellule di Kupffer;
  • si occupa della metabolizzazione delle sostanze chimiche in generale, sfruttata dalla farmacologia, in quanto i farmaci possono liberare i loro principi attivi grazie al fegato.

Per quest’ultimo motivo, il fegato può subire danni e disfunzioni, anche permanenti, in caso di abuso di alcune sostanze, come fumo, alcol e farmaci, che possono portare alla cirrosi epatica, infiammazione cronica che limita le funzionalità del fegato, anche in modo permanente e irreversibile. Anche l’eccesso di grassi nell’alimentazione può avere un effetto negativo e causare l’accumulo di trigliceridi e la steatosi epatica (il cosiddetto “fegato grasso”).

Le infezioni virali possono avere una conseguenza negativa sul fegato. I virus più frequenti sono l’epatite B e l’epatite C, che si trasmettono attraverso il sangue, il siero e i rapporti sessuali non protetti. Altre cause di disfunzioni epatiche sono le malattie autoimmuni e il cancro.

Iscriviti ai corsi di preparazione ai test di ammissione 2022. I corsi WAU! comprendono videolezioni, quiz, simulazioni, manuali e in più il supporto prezioso dei nostri esperti docenti e dei tutor, sempre pronti a rispondere ai tuoi dubbi e darti la motivazione giusta per prepararti con successo al test.

Immagine in evidenza di v2osk su Unsplash

Nadia Plamadeala

Nadia Plamadeala

La comunicazione non è solo il mio lavoro. È il mio mondo. Sono mediatrice interculturale, social media manager, copywriter e brand reputation manager nel settore hospitality. Inoltre, collaboro come giornalista per testate che parlano di intercultura. Le 6 lingue che parlo fluentemente mi danno una grossa mano a spaziare tra temi, settori e interessi degli utenti globali del web.

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU