Test di medicina 2021: tutte le risposte alle tue domande

In questa pagina trovi le risposte alle domande più frequenti su come funziona il test, come iscriversi, cosa studiare, come prepararsi per superarlo.

test di medicina 2021

FAQ sul test di medicina

1. Come entrare a medicina?

Per entrare alla facoltà di medicina in una delle università italiane in cui è attivo il corso di laurea in Medicina e Chirurgia, è necessario superare un test di ammissione.
 
Infatti, la facoltà di medicina, così come la facoltà di veterinaria e i corsi di laurea triennali e magistrali nelle professioni sanitarie sono ad accesso programmato. Accesso programmato significa che ogni anno il ministero stabilisce i posti disponibili e li ripartisce tra i vari atenei (non in modo uguale).

2. Come funziona il test di ingresso medicina?

Il test di medicina, sia in italiano che il corso in inglese (IMAT), quello di veterinaria e professioni sanitarie, sono test a risposta multipla.
 
I test sono composti da 60 domande con 5 opzioni di risposta, suddivise tra materie, a cui rispondere in 100 minuti.
 
I test nelle università statali si svolgono tutti nello stesso giorno (diverso per medicina, veterinaria e professioni sanitarie). Invece, le università private stabiliscono le modalità del test e le date con un apposito bando.
 
Il test di medicina è uguale per tutti i candidati in tutta Italia, lo stesso vale per veterinaria. Mentre il test per professioni sanitarie, pur avendo la stessa durata e uguale numero di domande, può essere formulato dalle singole università.
 
Anche le graduatorie del test di medicina e veterinaria sono nazionali, a differenza delle graduatorie per professioni sanitarie che sono stilate dalle singole università.

3. È difficile il test di medicina?

Sì, i test di medicina e veterinaria sono difficili. Si ritiene che quello per le professioni sanitarie sia meno complesso, ma la differenza è minima e talvolta può essere persino più difficile.
 
test di ammissione alle facoltà ad accesso programmato sono complicati perché:

  • coprono un programma molto vasto, spesso non trattato alle superiori
  • riguardano materie scientifiche, tra cui chimica, fisica e matematica
  • comprendono anche quiz di cultura generale e logica
  • necessitano la conoscenza di formule
  • includono problemi da risolvere
  • generano stress e ansia

Inoltre, ogni anno al test di medicina partecipano migliaia di candidati, quasi il quintuplo dei posti disponibili. Pertanto, le probabilità di passare il test dipendono solo dal livello di preparazione e dalla capacità di gestire lo stress durante questo genere di esame.
 
Infatti, sono tanti i candidati che tentano il test più volte e nel frattempo di iscrivono ad altri corsi di laurea affini, come biologia, biotecnologie, farmacia.

4. Come iscriversi al test di medicina

Le modalità di iscrizione al test di medicina e veterinaria sono indicate nel bando pubblicato ogni anno dal MIUR. Invece, le università private provvedono a pubblicare un apposito bando.
 
Da anni e salvo modifiche, l’iscrizione ai test di ammissione avviene online. Per iscriversi è necessario registrarsi al portale Universitaly. Quindi, sarà possibile iscriversi ai test solo nel periodo indicato nel bando, di solito a luglio per circa tre settimane.
 
Al momento dell’iscrizione, ogni candidato deve inserire: nome, cognome, sesso, data di nascita, codice fiscale, e-mail, documento di identità, residenza, recapito telefonico.
 
A seguire, deve indicare le preferenze tra gli atenei. La prima scelta è anche la sede in cui si sosterrà il test. Tuttavia, nel 2020 a causa del Covid-19 i candidati hanno sostenuto il test nell’università più vicina al proprio domicilio o residenza.
 
Si possono indicare tutte le preferenze desiderate. La prima scelta rappresenta l’università che si preferirebbe frequentare. Suggeriamo di inserire più preferenze possibili, per avere maggiori opportunità di rientrare in graduatoria dopo scorrimenti e rinunce. Tuttavia, se si sa già fin dal principio di non avere l’intenzione di spostarsi sull’intero territorio nazionale, questo suggerimento può non è seguito.
 
Inoltre, c’è anche la possibilità di inserire odontoiatria in alternativa a medicina e viceversa.
 
L’iscrizione viene considerata completata dopo il pagamento della tassa di partecipazione, in base a dove si sosterrà il test (prima scelta o ateneo più vicino come nel 2020). Importo e modalità di pagamento sono indicate nei bandi delle singole università.

5. Come iscriversi all’IMAT?

Le modalità di iscrizione all’IMAT sono le stesse previste per i test di ammissione a medicina e odontoiatria in italiano e veterinaria.
 
Quindi, negli stessi giorni previsti per gli altri test, bisogna iscriversi online attraverso la procedura presente nel portale Universitaly.
 
In fase di iscrizione, i candidati devono inserire le informazioni personali e un indirizzo di posta elettronica. Inoltre, devono indicare in ordine di preferenza, le sedi universitarie per le quali intendono far valere la prova e l’eventuale possesso di una delle certificazioni linguistiche riconosciute.
 
Se il candidato intende sostenere la prova in una sede italiana, la prima opzione corrisponde automaticamente alla sede presso la quale dovrà sostenere la prova medesima. Nel caso in cui i candidati intendano sostenere la prova all’estero, devono indicare una sede estera tra quelle indicate negli allegati al decreto.
 
L’iscrizione è conclusa dopo il pagamento del contributo di partecipazione al test, che avviene secondo le modalità previste dall’ateneo in cui si sostiene la prova.

6. Quanto esce il bando per il test di medicina?

Di solito, il bando test medicina, il bando veterinaria e il bando professioni sanitarie vengono pubblicati dal MIUR tra aprile e giugno.
 
I bandi regolamentano svolgimento delle prove, modalità di iscrizione, programmi di studio e funzionamento delle graduatorie.

Nel 2020 i bandi sono stati pubblicati in ritardo a causa della pandemia.

7. Quando è il test di medicina?

Le date dei test di ammissione 2021 sono:

  • data test veterinaria – 1° settembre
  • data test medicina e odontoiatria – 3 settembre
  • data test professioni sanitarie – 7 settembre
  • data test IMAT – 9 settembre

I test si svolgono solitamente nelle prime due settimane di settembre.

8. Quando aprono le iscrizioni a medicina?

L’apertura delle iscrizioni a test di medicina e odontoiatria, veterinaria, medicina in inglese è indicata nel bando.
 
Di solito, le iscrizioni si aprono a luglio per circa tre settimane.

9. Come pagare il test di medicina?

Le modalità di pagamento del test di medicina e odontoiatria, veterinaria e professioni sanitarie dipendono dalle singole università e sono indicate nei relativi bandi.
 
Pertanto, è necessario consultare il bando sul sito dell’università dove si sosterrà l’esame (prima scelta o l’ateneo più vicino come nel 2020).

10. Quando si sanno i risultati per il test di medicina?

Le tempistiche sono indicate nel bando.
 
Di solito, il MIUR incarica il CINECA che entro due settimane dalla data del test pubblica sul sito www.universitaly.it esclusivamente il punteggio ottenuto dai candidati secondo il codice etichetta, quindi a meno che il candidato non ricordi il codice etichetta non potrà risalire al proprio punteggio.

Tuttavia, le scuole specializzate come WAU! possono già calcolare il punteggio minimo.
 
Dopo circa tre settimane dal test, il CINECA rende noto il punteggio ottenuto da ogni singolo candidato nella propria area riservata sul portale Universitaly.

A seguire, entro circa quattro settimane, il CINECA pubblica la graduatoria di merito nominativa.

11. Come funziona la graduatoria di medicina?

All’atto dell’iscrizione al test di medicina e veterinaria, ogni candidato indica le sedi e i corsi preferiti in ordine di preferenza.
 
Il CINECA, per conto del MIUR, pubblica entro circa due settimane sul sito www.universitaly.it la graduatoria anonima, con il punteggio ottenuto dai candidati secondo il codice etichetta. Dopo circa tre settimane, il CINECA rende noto il punteggio ottenuto da ogni singolo candidato nella propria area riservata sul portale Universitaly.
 
A seguire, entro circa quattro settimane, il CINECA pubblica la graduatoria nazionale nominativa, con le prime assegnazioni. Infatti, accanto a ogni nominativo compare la dicitura assegnato o prenotato.

Cosa significa essere assegnati? Vuol dire che al candidato è stata assegnata l’università di prima scelta. Chi risulta assegnato ha 4 giorni di tempo per immatricolarsi nella sede indicata come prima preferenza, pena l’esclusione dalla graduatoria.
 
Cosa significa essere prenotati? Vuol dire che al candidato è stata assegnata un’università, ma non quella di prima scelta. Chi risulta prenotato ha due possibilità: può decidere di immatricolarsi nell’ateneo assegnato entro 4 giorni; può aspettare ulteriori scorrimenti. In questo caso dovrà confermare il proprio interesse all’immatricolazione sul sito Universitaly.it entro 5 giorni dalla pubblicazione della graduatoria.
 
Ogni circa due settimane, viene pubblicato un nuovo scorrimento. La conferma di interesse deve essere sempre rinnovata entro 5 giorni fin quando non si risulta assegnati e non si sceglie di immatricolarsi.

12. Quante sono le domande del test di medicina?

Le domande del test di medicina, veterinaria e professioni sanitarie sono 60.
 
quiz di medicina e professioni sanitarie sono domande con 5 opzioni di risposta di cui una sola corretta, così ripartiti:

  • 12 quesiti di cultura generale
  • 10 quesiti di logica
  • 18 quesiti di biologia
  • 12 quesiti di chimica
  • 8 quesiti di matematica e fisica

Anche i quiz di veterinaria sono 60 domande a risposta multipla, ma divisi in:

  • 12 quesiti di cultura generale
  • 10 quesiti di logica
  • 16 quesiti di chimica
  • 16 quesiti di biologia
  • 6 quesiti di matematica e fisica

13. Quanto dura il test di medicina?

La durata del test di medicina è di 100 minuti. Anche i test di professioni sanitarie e veterinaria durano 100 minuti.

14. Come si calcola il punteggio del test?

Il punteggio del test di medicina, veterinaria e professioni sanitarie è calcolato così:

  • 1,5 punti risposta giusta
  • 0 punti risposta non data
  • – 0,4 risposta sbagliata

15. Cosa portare al test di medicina?

Il giorno del test di ammissione bisogna presentarsi con: documento d’identità, ricevuta di registrazione al portale Universitaly.it e ricevuta di pagamento per l’iscrizione al test. 
 
Al contrario, non sono ammessi e devono essere depositati nelle apposite aree: telefoni cellulari, palmari, smartphone, smartwatch, tablet, auricolari, webcam o altra strumentazione similare. Inoltre, non si possono introdurre o usare penne, matite, materiale di cancelleria, manuali, testi scolastici, appunti manoscritti, fogli in bianco e materiale di consultazione.
 
Per la compilazione del modulo risposte può essere utilizzata esclusivamente la penna nera fornita dall’organizzazione.

16. Come prepararsi al test di medicina?

Come prepararsi al test di medicina e odontoiatria, veterinaria e professioni sanitarie è una delle domande più frequenti tra i candidati ai test di ammissione.

Per prepararsi bene e superare con successo i test di ammissione alle facoltà medico-sanitarie il classico metodo di studio non è sufficiente.

Infatti, non basta studiare la teoria per rispondere correttamente alle domande. Bisogna adottare un mix di strumenti di studio che comprende: teoria, esercitazioni, centinaia di quiz e simulazioni per abituarsi ai tempi di risposta del test e allo stress tipico del giorno dell’esame.

Inoltre, è importante studiare su manuali specifici che trattano gli argomenti del test e includono le esercitazioni alla fine di ogni modulo.

Infine, sono molto utili i gruppi di studio, il supporto di tutor e docenti esperti, le risorse gratuite online come webinar, videolezioni, canali social tematici.

Il candidato può provare a reperire da sé tutte o alcune di queste risorse. Oppure può iscriversi a un corso di preparazione ai test di ammissione che includa già lezioni online, manuali, il supporto di tutor e docenti che lo seguiranno nello studio, quiz e simulazioni del test di medicina.

Vai ai libri per il test di medicina, veterinaria, professioni sanitarie.
Consulta i corsi di preparazione al test di medicina, veterinaria, professioni sanitarie.

17. Quando iniziare a studiare per il test di medicina?

Sono tantissimi gli studenti che si chiedono quando iniziare a studiare per il test di medicina, veterinaria e professioni sanitarie. La risposta è: il prima possibile perché il programma è ampio, bisogna esercitarsi molto e il livello dei candidati è alto.

Non pochi studenti cominciano a prepararsi fin dalla 4^ superiore. La maggior parte inizia un anno prima da autodidatta oppure si iscrive a un corso di preparazione invernale.

Ci sono anche parecchi studenti che decidono solo all’ultimo di provare a superare il test. Non è un’impresa impossibile, dipende dal livello di preparazione da cui si parte. Inoltre, si possono seguire i corsi di preparazione estivi intensivi.

18. Come prepararsi al test di medicina in un mese?

È possibile prepararsi al test di medicina in un mese? Superare i test di ammissione è difficile, per cui è meglio iniziare a studiare con largo anticipo, un anno prima o persino due.

Tuttavia, ci sono candidati che hanno superato il test nonostante avessero cominciato a studiare uno/due mesi prima. Molto dipende dal livello di preparazione da cui si parte, dalla capacità di gestire la tensione durante il test e rare volte, dalla fortuna.

Innanzitutto, i candidati che iniziano a studiare a luglio devono suddividere il programma tra gli argomenti da ripassare, quelli da approfondire e quelli completamente sconosciuti. Suggeriamo di partire da questi ultimi, approfondendo progressivamente l’argomento.
Inoltre, contemporaneamente devono iniziare il ripasso degli argomenti già noti.

Soprattutto, devono esercitarsi con i quiz alla fine di ogni argomento studiato o ripassato.

In più, dovrebbero seguire un corso estivo intensivo per avere più quiz a disposizione, esercitarsi con le simulazioni e avere il supporto di tutor in grado di rispondere a dubbi e domande sul programma.

Vai alla Summer School di Medicina.

19. Come superare il test di medicina?

Il superamento del test di medicina dipende da numerosi fattori. Innanzitutto, dal livello di preparazione. Più il livello di preparazione è elevato, maggiori sono le probabilità di superare il test. Però, per avere un’ottima preparazione non basta studiare la teoria.

Seguire un corso di preparazione ai test di ammissione è una soluzione molto efficace che aumenta nettamente le chance di superare con successo i test. Ad esempio, il 70,9% degli studenti WAU! supera i test. Questo perché i corsi guidano i candidati nello studio, offrono lezioni sugli argomenti specifici del test, includono centinaia di quiz e simulazioni, manuali specifici e in più garantiscono il supporto di tutor e docenti esperti.

Infatti, per superare il test di medicina, veterinaria e professioni sanitarie è necessario esercitarsi con centinaia di quiz, fare simulazioni dei test degli anni precedenti e simulazioni originali per prepararsi alle condizioni reali in cui si svolge l’esame.

Quindi, per superare il test è fondamentale avere il giusto metodo di studio necessario per pianificare il tempo da dedicare a ogni argomento, agli esercizi e per programmare anche le pause.

Inoltre, è indispensabile avere strumenti specifici per studiare: manuali per il test di medicina, piattaforme di quiz e simulazioni, gruppi di studio, il supporto di tutor e docenti esperti.

Infine, è consigliabile iniziare a studiare con largo anticipo.

20. Come passare il test di medicina senza studiare?

Superare il test di medicina, veterinaria, professioni sanitarie senza studiare è quasi impossibile. Si potrebbe dire anche che è impossibile, ma non si possono mai prevedere tutte le variabili, come azzeccare le risposte tirando a indovinare (evento molto raro) o un livello molto basso degli altri candidati, cosa che si verifica sempre meno di frequente perché ormai è risaputo che i test di ammissione non sono semplici, i posti sono limitati e i candidati molto più numerosi.

21. Cosa studiare per il test di medicina?

Gli argomenti del test di medicina e odontoiatria, veterinaria e professioni sanitarie riguardano: cultura generale, logica, chimica, biologia, matematica e fisica.
Il bando dei test di ammissione include anche il programma del test, materia per materia, e tranne qualche piccola modifica è uguale tutti gli anni.

Ecco il programma dei test di ammissione:

  • cultura generale. I quiz di cultura generale riguardano la storia contemporanea, i mezzi di comunicazione, l’organizzazione politica, le forme di governo, l’Unione Europa;
  • logica. I quiz di logica includono domande di logica verbale, ragionamento, logica numerico-matematica, problem solving;
  • chimica. I quiz di chimica riguardano soprattutto, tra i vari argomenti, le reazioni chimiche, la chimica organica, i legami chimici, le soluzioni, gli acidi e le basi. Per saperne di più, leggi: Gli argomenti di chimica più frequenti al test di medicina;
  • biologia. Il programma di biologia per i test è molto vasto. Le domande più frequenti di biologia sono quelle di anatomia e fisiologia, genetica ed evoluzione, strutture cellulari, mitosi e meiosi, bioenergetica. Per saperne di più, leggi: Gli argomenti di biologia più frequenti al test di medicina;
  • matematica. I quiz di matematica riguardano l’intero programma delle superiori, tra cui geometria, equazioni e disequazioni, funzioni, proporzioni e percentuali. Scopri gli argomenti di matematica più frequenti al test di medicina.
  •  fisica. Le domande di fisica riguardano più di frequente: elettrostatica e circuiti, cinematica, dinamica e termodinamica. Scopri gli argomenti di fisica più frequenti al test di medicina.

22. Chi scrive il test di medicina?

Il Ministero si avvale della collaborazione di un consorzio interuniversitario, il CINECA. ll CINECA ogni due anni avvia una gara per la fornitura dei quesiti del test.

Per ulteriori dettagli e capire l’intera organizzazione dei test di ammissione, leggi questo articolo di approfondimento su chi scrive il test di medicina.

23. Per entrare a medicina conta il voto di maturità?

No, il voto di maturità non conta per superare il test di medicina e odontoiatria, veterinaria e professioni sanitarie.

Il voto di maturità non ha alcun valore per superare il test nelle università statali. Tuttavia, un buon voto può essere richiesto per l’iscrizione ad alcune università private oppure consente di ottenere delle borse di studio.

24. Quanti provano il test di medicina?

Il numero di candidati al test di medicina è di circa 60 mila all’anno. Ovviamente, il numero non è sempre lo stesso, così come i posti disponibili che negli ultimi anni sono aumentati, pur rimanendo molti meno rispetto ai candidati interessati a frequentare medicina.
 
Nel 2020 gli iscritti sono stati 66.638 ma i partecipanti effettivi sono stati 58.275 per 13.072 posti disponibili. Invece, nel 2019 gli studenti iscritti sono stati 68.694 quelli effettivi 60.776 per 12.701 posti.