Come diventare medico militare: guida alla professione

come diventare medico militare

Seguici sui social

Ti stai preparando per il test di ammissione a medicina con il sogno di diventare medico militare? Allora questo articolo è per te. Ci sono vari modi per ricoprire questa carica nelle Forze Armate.

I requisiti obbligatori sono avere una laurea in medicina e ricevere l’addestramento militare. Continua a leggere per sapere tutto su come diventare medico militare.

Come diventare medico militare

Puoi diventare medico militare dopo aver conseguito un diploma di laurea presso l’Accademia militare oppure aver vinto il relativo concorso pubblico. Ecco le modalità attualmente valide per lavorare nelle Forze Armate:

  • frequentare l’Accademia militare. L’Accademia prevede corsi di formazione per diventare medico militare. Si diventa ufficiali dal terzo anno di corso. Dopo il diploma di laurea dovrai frequentare un corso abilitante e sostenere l’Esame di Stato. Potrai lavorare come ufficiale medico generico per qualche anno, poi frequentare corsi di specializzazione ed essere trasferito negli ospedali militari;
  • concorsi per ufficiali. Se partecipi ai concorsi per ufficiali con la Ferma Prefissata potrai intanto entrare nell’esercito e conseguire la laurea in medicina più tardi. Se vinci il concorso, avrai la qualifica di allievo ufficiale in ferma prefissata, AUFP, e dovrai seguire un corso di formazione di 12 settimane presso l’Accademia militare di Modena;
  • concorso nomina diretta. Questo tipo di concorso è per chi ha meno di 34 anni e una laurea in medicina. In questo caso dovrai frequentare un corso di 6 mesi per diventare ufficiale medico con il grado di tenente.

Se entri a medicina, per diventare medico militare dovrai quindi superare un concorso pubblico. L’alternativa è l’Accademia militare. Di cosa si tratta? Il test è più facile di quello di medicina? Scopri come funziona il test di ammissione in Accademia militare.

Come entrare in Accademia

Se pensi che entrare in Accademia militare sia un’alternativa più facile al test di medicina, non è così. Anche questo test è difficile da superare e c’è tanta concorrenza, in quanto la professione di medico militare è molto ambita. Per superare il test in 60 minuti dovrai rispondere a 48 quesiti così ripartiti:

  • 22 domande di biologia
  • 13 domande di chimica
  • 13 domande di fisica

Ecco come sono assegnati i punteggi del test dell’Accademia militare:

  • 1 punto per ogni risposta corretta
  • -0.25 punti per ogni risposta errata
  • 0 punti per ogni risposta non data

Le graduatorie dei corpi sanitari sono diverse per l’esercito, il militare marittimo e il settore aeronautico.

Medico militare: cosa fa

Cosa fa il medico militare? Si occupa per lo più della salute del personale militare, prevenendo, diagnosticando e curando malattie.

Fare il medico militare è pericoloso? In tempi di guerra questa figura ha il compito di fornire primo soccorso, cura di infortuni e malattie anche sul campo di battaglia. Dovrà quindi accompagnare i militari in missione.

I medici militari sono protetti da azioni ostili nei conflitti armati dalla Convenzione di Ginevra. In situazioni di battaglia i medici sono armati ma solo per avere la possibilità di proteggersi.

Ora che sai cosa fa il medico militare, scopri quanto guadagna questa figura professionale.

Medico miliare stipendio

Lo stipendio del medico militare varia molto a seconda del grado. Il sottotenente guadagna circa 1.500-1.600 euro, mentre il tenente 1.600-1.800 euro. L’ufficiale medico di grado più alto raggiunta una certa anzianità di servizio può arrivare a guadagnare anche 4.000-5.000 euro. Anche l’ufficiale medico della marina come stipendio può raggiungere cifre molto sostanziose. Sei convinto di voler diventare medico militare? Non ti resta che superare il test di medicina, il primo passo per poter svolgere questa professione.

Iscriviti ai corsi di preparazione ai test di ammissione 2022. I corsi WAU! comprendono videolezioni, quiz, simulazioni, manuali e in più il supporto prezioso dei nostri esperti docenti e dei tutor, sempre pronti a rispondere ai tuoi dubbi e darti la motivazione giusta per prepararti con successo al test.

Immagine in evidenza di israel palacio su Unsplash

Nadia Plamadeala

Nadia Plamadeala

La comunicazione non è solo il mio lavoro. È il mio mondo. Sono mediatrice interculturale, social media manager, copywriter e brand reputation manager nel settore hospitality. Inoltre, collaboro come giornalista per testate che parlano di intercultura. Le 6 lingue che parlo fluentemente mi danno una grossa mano a spaziare tra temi, settori e interessi degli utenti globali del web.

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU