Chat with us, powered by LiveChat

Come trovare la risposta sbagliata nei test di ammissione: esempi pratici

dreamstime_m_29541065

Hai sempre pensato che per rispondere correttamente ai quesiti del test, ti servisse sempre conoscere la risposta giusta? Scopri, e inventa le tue scorciatoie.

Se stai leggendo questo articolo probabilmente ti stai avvicinando alla realtà del test di ammissione oppure la tua è semplice e sana curiosità. Quello che oggi voglio insegnarti è abbastanza insolito, ma davvero utile. Proverò a farti capire come giungere alla risposta corretta di un quesito, pur non conoscendone immediatamente la risposta.

Ma come? Ciò che ti illustrerò è un efficace metodo di esclusione che ti permetterà di gestire nel modo più intelligente i dati che hai a disposizione. Già nel precedente articolo “Sai perché trovi difficili i quiz dei test di ingresso?”, spiegavo che non è affatto necessario essere super preparato in ogni argomento di ogni materia, ma che è davvero importante sapersi muovere al meglio a partire dalle proprie conoscenze.

 

Esempi di quesiti risolti per esclusione

Ti propongo alcuni quesiti tratti proprio dal test di ammissione a medicina del 2015 e li risolveremo per esclusione.  

 

Quale delle seguenti affermazioni descrive correttamente il glicogeno umano?
1. È un polimero del glucosio.
2. È un ormone prodotto dal pancreas.
3. Può essere accumulato come fonte di energia in cellule epatiche e muscolari.
A) Solo 1 e 3
B) Solo 2
C) Solo 1 e 2
D) Solo 1
E) Solo 3

 

È un quesito relativamente semplice, in stile Cambridge, che si presta bene per il nostro esempio. Come risponderesti?

Innanzitutto: non leggere le alternative, ma la domanda. Pensa: cosa sai del glicogeno? Cos’è, a cosa ci serve?
Anche uno studio non troppo approfondito può confermarti che si tratta di una sostanza che il nostro organismo conserva nel fegato e nei muscoli. Ciò ci porta a concludere che la terza proposizione è certamente corretta. Dunque, dobbiamo sicuramente scegliere un’opzione di risposta in cui questa compaia. Possiamo immediatamente eliminare tre alternative! La B,C e D.

Puoi vedere come a partire da un solo dato abbiamo portato la probabilità di rispondere correttamente ad un ottimo 50%. Molto probabilmente sai anche che il glicogeno è un polimero del glucosio (del resto le due parole cominciano con la stessa radice proprio per questo). Ciò porta a rispondere correttamente al quesito, pur senza ragionare sulla seconda proposizione che ci viene proposta (in ogni caso sbagliata).
La risposta corretta è quindi la A.

 

Facciamo un altro esempio.

Eccoti un quesito tratto dal test di medicina del 2014. Come ragioneresti in questo caso?

 

Quale/i delle seguenti affermazioni è/sono corretta/e?

1. I villi intestinali aumentano la superficie di assorbimento nel colon

2. I villi intestinali sono caratterizzati dalla presenza di molti capillari sanguigni  

3. I villi intestinali sono caratterizzati dall’assenza di vasi linfatici

A) Solo 2

B) Solo 1

C) Solo 3

D) Nessuna

E) Tutte

 

È chiaro che per poter rispondere a domande di biologia è necessaria una certa conoscenza, ma potrai notare di non aver bisogno affatto di una laurea per poter rispondere!

Leggiamo la domanda allora. I villi intestinali … ne hai sentito parlare, ma a cosa servono? Per rispondere alla domanda devi sapere certamente che sono i siti in cui il nutrimento viene assorbito al livello dell’intestino tenue, entrando proprio qui nel circolo sanguigno. Non ti serve sapere altro, ed ecco perché. Hai appurato che stiamo parlando di intestino tenue e non del colon. Sai ora che la prima proposizione è errata, e puoi depennare le alternative B ed E.

La probabilità di rispondere correttamente, ora, è superiore al 30%. Ma sai altro. Sai che per assorbire il nutrimento, l’intestino è molto vascolarizzato! Questo può essere facilmente deducibile anche non avendo studiato l’argomento, non ti sembra?

Eccoti un consiglio utile se usato intelligentemente: sfrutta la logica, la tua logica, in ogni argomento su cui verte il test. Puoi allora portare la tua probabilità di rispondere correttamente dal 30% al 100%.

Non puoi sbagliare ora. La proposizione 2 è vera, quindi logicamente l’alternativa D è errata. Per dare la risposta non hai nemmeno bisogno di leggere la terza proposizione. Infatti sapendo che la seconda è vera, e che nessuna alternativa accoppia la seconda e la terza proposizione, non puoi porti alcun problema.

La risposta corretta è la A.  

 risposta giusta test di ammissione

Occhio alla statistica. Ecco quando puoi rispondere senza sapere

Può certamente capitarti di avere sottomano un gruppo di quesiti su cui sei davvero indeciso. Ti hanno sempre detto che nell’indecisione è meglio non rispondere? In alcuni casi non è proprio così.

Bisogna ragionare sulla base dei dati a tua disposizione, infatti è giusto lasciare bianco un quesito su cui sei troppo confuso, ma è intelligente fare due calcoli. Quante alternative plausibili hai isolato? Tre, meglio ancora due? Bene. In questo caso io ti consiglio di affidarti alla potente arma della probabilità. Ricordati, però, che è ben diversa dalla “fortuna”.

Analizziamo questa situazione concreta: hai risposto a tutte le domande su cui sei certo della tua scelta, e stai controllando i quesiti su cui sei incerto.

Ciò che ti consiglio di fare è di isolarne un gruppo, cercando di eliminare per esclusione tutte le alternative poco credibili fino a poter ragionare su due o al limite tre di esse. La probabilità di rispondere correttamente, in questo caso, si alza al 35 o addirittura al 50%!

Se puoi trovarti in questa situazione con tre o più quesiti è conveniente rispondere, ed ecco perché conviene farlo.

Su un gruppo di tre quesiti, per ognuno dei quali sei riuscito a escludere tre alternative, scegliendo a caso la risposta tra le due rimanenti, è molto probabile azzeccare almeno una risposta corretta su tre quesiti. Sapendo che la risposta corretta vale 1,5 punti e le altre due errate ti penalizzerebbero in totale di 0,8 punti, il bilancio sarebbe comunque positivo, e tu ti porteresti a casa 0,7 punti invece che zero.

Non ti sembra meglio? Seppur possibile, è davvero poco probabile non indovinare nessuno dei questiti in cui rischi al 50%.

 

Da questi esempi puoi partire per sviluppare un tuo metodo di risoluzione ancora più efficace ed intelligente. Ricorda sempre di non farti ingannare dalla presunta difficoltà di un test. Guarda alla struttura delle domande e individua, come ti ho mostrato, le tue scorciatoie.

Scarta le risposte certamente false e non avere paura di ragionare in modo alternativo e creativo. Per superare il test di ammissione devi usare tutta la tua preparazione, ma anche una buona dose di astuzia.

Enrico Armiento

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche 

Aiuto, sono iscritto a medicina! Ovvero le disavventure di una matricola, capitolo primo

Come si svolgerà la prova del test di ammissione

I 5 benefici delle simulazioni dei test di ingresso

WAU

WAU

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU

RESTA AGGIORNATO

Ricevi tutte le indiscrezioni e le ultime novità per prepararti al meglio al test