Chat with us, powered by LiveChat

Oggi, più di ieri, ci impegniamo a formare i medici del futuro: il contributo di WAUniversity all’emergenza Coronavirus

Foto scale

Seguici sui social

Oggi l’Italia è per tutto il mondo un esempio di come la Sanità deve essere e può essere un diritto di ogni cittadino. Un diritto sicuramente costoso per l’economia di uno Stato già messo in difficoltà da anni da tutte le vicende politiche ed economiche, anche globali; ma è sicuramente tra i diritti più importanti e prioritari di una società civile.

Questa emergenza sta evidenziando quanto siano stati gravi i tagli a tutto il settore sanitario, a partire dalla selezione degli aspiranti medici e professionisti della salute attraverso i test di accesso, fino al taglio delle borse di specializzazione, delle prestazioni sanitarie convenzionate e delle risorse primarie dei nostri reparti ospedalieri.

Immagina se non fossi cittadino italiano, ma statunitense: tutti i costi sarebbero a tuo carico, a cominciare da quello del tampone, che arriva fino a 4000€. Q U A T T R O M I L A!!! E se non hai una copertura assicurativa o le possibilità economiche sei letteralmente fuori dai giochi.

L’ Umanità stavolta ha avuto fortuna, seppur questa fortuna ha messo in ginocchio la nostra Italia e tutti i lavoratori che la popolano. Ha avuto fortuna l’Umanità, non gli italiani o i cinesi o chi ora, a causa del virus, non c’è più. Ai loro parenti vanno tutte le mie più sincere condoglianze.

Il Paese maggiormente pronto a questa emergenza sanitaria siamo noi, sotto tutti i punti di vista e per questo dobbiamo, possiamo e vogliamo ringraziare tutti gli operatori sanitari, dal più giovane al più esperto. Voglio ringraziarvi personalmente e a nome di tutta la comunità che rappresento e rappresentiamo. È “solamente” (e lo virgoletto perché è riduttivo) grazie ai vostri precedenti sacrifici per entrare all’università, per dare gli esami, laurearvi, specializzarvi, aggiornarvi, che l’emergenza in Italia è sotto controllo. È “solamente” grazie alle vostre precedenti rinunce di qualsiasi genere che oggi possiamo contare su di voi. E, ancora una volta, in questo momento, gli italiani vi chiedono di rinunciare alle vostre famiglie ed amici, al vostro tempo, a parte della vostra vita per salvare e curare le nostre vite.

Ho poco meno di 30 anni e non ho mai vissuto un momento così drammatico dove si respira contemporaneamente caos, incertezza, ma anche tanta UNIONE e solidarietà. Per questo motivo è giusto e necessario che ciascuno di noi rispetti delle semplici regole di UMANITÀ:

                                              #iorestoacasa 

In questi giorni c’è bisogno di restare tutti uniti, di seguire importantissime regole per superare un momento così difficile. Per questo motivo tre giovani ragazzi sardi, Pierpaolo Saba (laureando in Medicina e Chirurgia e tutor WAU!),  Federico Mulas (studente in Medicina e Chirurgia e tutor WAU!)  e Giuseppe Canu (laureato in Tecniche della Prevenzione negli Ambienti e nei Luoghi di Lavoro) hanno deciso di girare un videoclip con lo scopo di sensibilizzare tutta la popolazione.
“Con il sacrificio di tutti, a partire da noi giovani, andrà tutto bene.  Tutti Uniti ma Distanti!”.

Videoclip nato dall’idea di tre amici Pierpaolo Saba (Laureando in Medicina e Chirurgia) Giuseppe Canu (Laureato in...

Pubblicato da Pier Paolo Saba su Mercoledì 11 marzo 2020

WAU! può essere banalmente identificata come una scuola che prepara ai test di accesso medico- sanitari, ma se ci soffermiamo sul motivo per cui ho deciso nel 2013 di fondarla e sulla filosofia che sta alla base di ogni nostra attività formativa, allora preferisco definirla “solamente” Scuola.

WAU! è una Scuola composta da persone che si fanno un culo enorme, faticando come dei muli, facendo gli insegnanti, gli educatori, gli psicologi, a volte genitori, altre volte quello che è necessario per portare, anzi, accompagnare da A-B tutti i nostri studenti aspiranti medici.

Un percorso in cui A rappresenta la situazione e condizione iniziale in cui è un’immagine, un’idea, un sogno di come sarai da grande a portarti a chiederci supporto. E B è l’arrivo, ma per noi l’arrivo non è superare il test di ammissione, perché per quello basta semplicemente studiare e lo diciamo sempre.

Per me e per tutti i collaboratori di WAUniversity l’arrivo è tutta un’altra cosa.

Ognuno di noi, quando era studente di medicina e professioni sanitarie, ha vissuto gli ambienti ospedalieri e vi assicuro che sono molto diversi da quelli delle nostre amate serie tv. Sentire chiamare un paziente col nome della patologia e non con il suo nome è straziante, vedere primari e medici in lotta per il potere è straziante, vedere che l’obiettivo primario non è sempre la salute e il benessere del paziente è straziante per un giovane in tirocinio che è lì per dare tutto se stesso e imparare come attuare la migliore prestazione sanitaria con più amore possibile. D’altra parte è ormai ufficiale che anche l’approccio emotivo e comportamentale dei medici influenza la reazione del paziente e in qualche modo la terapia.

La sfida che WAU! vuole aiutarvi a superare è su un piano diverso da quello di chi prepara ad un “semplice test di accesso”. Vogliamo accompagnarvi lungo un percorso ad ostacoli in cui i primi a saltare siamo stati noi ed ora possiamo aiutarvi a prendere bene la rincorsa e fare un salto consapevole. Vogliamo aiutarvi a capire quanto è importante collaborare, quanto è fondamentale la sete di conoscenza, quanto è imprescindibile essere empatici con il prossimo e quanto è indispensabile dare il proprio 100%. Sempre. In gioco ci sono vite umane, ciò che di più straordinario la Natura abbia mai creato.

Il giorno della tua laurea non sarà cambiato nulla dal giorno prima. Non si diventa medici in un giorno. Si decide di essere medici OGGI e si decide di diventare il miglior medico e professionista della salute OGNI GIORNO. Quando avrete l’abilitazione potrete esercitare la professione, ma tutto quello che non si studia sui libri, tutto quello di cui vi ho parlato prima, si può applicare e apprendere da subito. L’esempio è l’arma più potente che abbiamo e lo stiamo vedendo in questi giorni di “buon senso”, dunque INIZIA ORA a dare il tuo 100% per diventare il miglior camice bianco che tu possa mai diventare. 

In questi giorni ho riflettuto molto su quale può essere il mio contributo per voi aspiranti medici e ho deciso che fino al 3 aprile tutte le lezioni live webinar del corso online #daoggifinoaltest sono gratuite per tutti coloro che hanno un fuoco incandescente che incendia quel desiderio di “sentirsi utili” e che vi fa desiderare di essere già laureati e in corsia a dare il vostro contributo.

#iorestoacasa e nonostante tutto l’obiettivo è sempre chiaro e preciso. Il primo ostacolo della vostra carriera medica non è il test, ma quella vocina che ti dice “c’è tempo per studiare”.

Voglio quindi venire incontro a tutte quelle famiglie che in questo momento hanno difficoltà nel lavoro ma che, amando i loro figli, vogliono comunque supportarli in questo percorso. Ecco come ho pensato di aiutarvi:

  • Tutti gli studenti che vogliono iscriversi al corso online webinar #daoggifinoaltest possono farlo ad un prezzo notevolmente più basso e con modalità di pagamento super agevolate

  • Tutti gli studenti che vogliono iscriversi al corso online webinar #daoggifinoaltest con un ISEE inferiore ai 15.000€ potranno iscriversi GRATUITAMENTE

  • Tutti gli studenti che vorrebbero iscriversi al corso online webinar #daoggifinoaltest possono frequentare le lezioni del corso gratuitamente fino al 3 aprile

Io e tutto lo staff di Wauniversity, ci impegniamo ad aiutarvi a realizzare il vostro sogno, che è un po’ anche il nostro: una classe lavorativa medica in grado di fronteggiare le emergenze, rischiando la vita per salvare quelle degli altri.

Alessandro Lai, co-founder di WAuniversity

Antonella Sanna

Antonella Sanna

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU