Chat with us, powered by LiveChat

L’importanza del primo soccorso spiegata ai bambini: una serata WAU! dedicata ai più piccoli

WhatsApp Image 2019-03-28 at 13.01.48

Che cosa farebbe un bambino se si trovasse a dover affrontare una situazione di emergenza? Il soffocamento, l’ustione di un amico, un malore di un genitore o di un nonno. Anche le persone adulte, a volte, rimangono inermi davanti a queste situazioni. Per cercare di far capire ai più piccoli cosa è utile e giusto fare durante i momenti critici, WAU! ha deciso di aprire le porte della sua sede a 15 bambini, dai 9 agli 11 anni, volenterosi di imparare le basi del primo soccorso.

Primo soccorso: perché è importante fin da piccoli

“L’ obiettivo- spiega Alessandro Sotgia, corsista WAU! e promotore dei corsi di primo soccorso per ragazzi- è quello di sensibilizzare i bambini e far capire loro come comportarsi durante le situazioni di emergenza”.

Alessandro, insieme ai medici Luca Varcasia, Pier Paolo Muglia e alle corsiste WAU! Marta, Matilde e Chiara, hanno organizzato una serata dedicata all’apprendimento delle basi del primo soccorso da parte dei bambini. Dopo la visione di alcuni video di mostrativi, seguita da discussioni e da tantissime domande scritte su tanti colorati post it, sono state fatte vedere alcune tecniche di primo soccorso: dalla manovra di Heimlich (da eseguire in casi di soffocamento), al massaggio cardiaco, alla medicazione di ferite. Dopo le dimostrazioni da parte degli adulti, anche i piccoli soccorritori, con entusiasmo e risate, si sono cimentati nelle tecniche di primo soccorso.

Le basi del primo soccorso: imparare giocando

C’è stato spazio anche per il gioco, sempre finalizzato a far capire l’importanza del primo soccorso. I bambini, seguiti dalle corsiste WAU!, sono stati divisi in 3 squadre:  mentre un gruppo simulava un evento critico, l’altro provava ad affrontarlo, chiedendosi come agire in quella situazione. I bambini del terzo gruppo erano invece alla scoperta di materiali utili per il soccorso, acqua ossigenata, cerotti e bendaggi: alcuni, con il ketchup (fingendo fosse sangue), hanno simulato ferite da taglio e provato a fare medicazioni.

Con curiosità, impegno e partecipazione i bambini hanno capito come riconoscere una situazione di emergenza e hanno acquisito l’importanza di non rimanere fermi ma di agire, chiamando il 118 o avvisando subito un adulto.

Leggi anche:

Test medicina 2019: ecco le novità, a breve il decreto

L’ importanza delle basi di primo soccorso

Antonella Sanna

Antonella Sanna

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU

RESTA AGGIORNATO

Ricevi tutte le ultime novità per prepararti al meglio al test