Chat with us, powered by LiveChat Test medicina per DSA, disabili, invalidi

Test medicina 2022 per DSA, disabili, invalidi: come funziona

test medicina per DSA

Seguici sui social

Come funziona il test medicina per DSA, invalidi e disabili? I test di medicina e odontoiatria, veterinaria e professioni sanitarie tengono conto delle esigenze di:

  • candidati con diagnosi di disturbi specifici di apprendimento (DSA) secondo la legge 170/2010;
  • invalidi e disabili a norma dell’articolo 16 della legge n. 104/1992.

A seguire trovi le informazioni su: certificazione da presentare, misure previste, eccezioni per la graduatoria dei test. In più, alcuni consigli per tutelare al meglio i tuoi diritti.

Test medicina per DSA, disabili, invalidi: certificato

Innanzitutto, ecco le informazioni utili per non commettere errori nella presentazione della certificazione che attesta lo status di candidato DSA, disabile, invalido, come indicato nell’articolo 9 del D.M. 583 del 24 giugno 2022 sulle modalità di accesso a medicina, odontoiatria, veterinaria e professioni sanitarie.

Come nel 2021, anche per il test di medicina 2022 e gli altri test di accesso, i candidati sono ammessi anche se la certificazione medica di cui sono in possesso è scaduta e non è stata ancora rinnovata a causa della limitazione dell’attività del SSN per il Covid. Gli atenei possono però richiedere successivamente l’integrazione della documentazione.

Fatta questa precisazione, per quanto riguarda la diagnosi di DSA, i candidati devono presentarla tempestivamente all’ateneo:

  • in originale o in copia autenticata in carta semplice;
  • rilasciata da non più di 3 anni, se antecedente al compimento dei 18 anni, oppure dopo;
  • emessa da strutture sanitarie locali pubbliche oppure da enti e professionisti accreditati con il servizio sanitario regionale.

I candidati con certificato di invalidità o certificazione di cui alla legge n. 104/1992 devono presentare tempestivamente all’ateneo la certificazione:

  • in originale o in copia autenticata in carta semplice;
  • rilasciata dalla commissione medica competente per territorio comprovante il tipo di invalidità e/o il grado di handicap riconosciuto.

Anche i candidati con invalidità, disabilità o con DSA residenti in paesi esteri devono presentare la certificazione legalizzata, rilasciata nel paese di residenza, accompagnata da una traduzione, giurata e di traduttore ufficiale o certificata conforme al testo originale dalle rappresentanze diplomatiche italiane, in lingua italiana o in lingua inglese.

Se vuoi approfondire la legge 170, vai alla nostra guida breve alla legge DSA.

Test medicina: misure e ausili per DSA, disabili e invalidi

Quanto tempo in più per i DSA è previsto ai test di ammissione? Il tempo aggiuntivo previsto è pari ad un massimo del 30% rispetto a quello concesso ai restanti candidati, che nel caso del test di medicina e odontoiatria, veterinaria, professioni sanitarie è di 100 minuti.

Inoltre, in caso di particolare gravità certificata del DSA, gli atenei possono consentire l’utilizzo dei seguenti strumenti compensativi:

  • videoingranditore o affiancamento di un lettore scelto dall’ateneo con il supporto di appositi esperti o del Servizio disabili e DSA di ateneo, se presente;
  • calcolatrice non scientifica.

Da precisare che non è consentito l’uso di: dizionario e/o vocabolario; formulario; tavola periodica degli elementi; mappa concettuale; personal computer, tablet, smartphone e strumenti simili.

Invece, durante gli anni universitari gli studenti hanno diritto ad altri strumenti compensativi come: registratore digitale, tabelle, formulari, programmi di sintesi vocale, testi in formato digitale. A questi si aggiungono le misure dispensative: dividere l’esame in più prove, sostituire lo scritto con l’orale, non valutare l’ortografia e la forma ma solo i contenuti, modificare la tipologia di scritto o ridurlo.

Per quanto riguarda i candidati con certificato di invalidità e con certificazione di cui alla legge n. 104 del 1992 hanno diritto a un tempo aggiuntivo non eccedente il 50%.

Graduatoria test medicina per disabili e invalidi

La graduatoria dei test di ammissione per disabili e invalidi funziona come per gli altri candidati fatta eccezioni in caso di parità di punteggio. Questa eccezione non riguarda i DSA.

Infatti, al punto c dell’articolo 8 del bando medicina 2022 si legge che in caso di parità i candidati invalidi con certificato di invalidità uguale o superiore al 66% o disabili di cui alla legge n. 104/1992 art. 3, comma 3, prevalgono sui candidati che non rientrano in queste categorie.

Inoltre, è importante sapere che il candidato invalido con certificato di invalidità uguale o superiore al 66% o il candidato disabile con certificazione di cui alla legge n. 104 del 1992 in possesso di certificazione medica, anche se non aggiornata, che risulta assegnato, ha 15 giorni a partire dall’assegnazione e compreso il primo giorno per esibire all’Ateneo la certificazione necessaria, pena l’esclusione della graduatoria.

Anche in caso di iscrizione ad anni successivi al primo, queste due categorie di candidati prevalgono sugli altri candidati quando si trovano in posizione utile nella relativa graduatoria, a seguito del riconoscimento di crediti e propedeuticità.

Disabili, invalidi, DSA e test medicina: consigli

I diritti dei candidati DSA, disabili e invalidi sono ben esplicitati nelle relative leggi. Tuttavia, ti consigliamo di adottare anche altre precauzioni per non avere sorprese il giorno del test:

  • vai sul sito dell’ateneo per leggere tutte le informazioni destinate a DSA, disabili e invalidi, in particolare leggi il bando sui test di accesso pubblicato da ogni singolo ateneo dopo quello ministeriale;
  • contatta l’ufficio dedicato agli studenti con DSA, disabili e invalidi, obbligatorio per ogni ateneo, per avere conferma delle informazioni in tuo possesso e accertarti che la documentazione da te inviata risulti pervenuta;
  • verifica chi è il delegato alla disabilità e ai disturbi dell’apprendimento, ossia l’incaricato del rettore a cui dovrai rivolgerti nel caso i tuoi diritti non vengano rispettati.

Sogni di superare i test di medicina, odontoiatria, veterinaria e professioni sanitarie? L’offerta WAU! comprende più tipi di corsi per ogni esigenza: con partenza mensile, intensivi, biennali, on demand.

I nostri corsi, pensati per darti la migliore preparazione per il nuovo TOLC-Medicina, includono teoria, pratica, piattaforma e-learning con simulatore.

Scopri tutti i vantaggi dei corsi WAU!: il supporto dello Student Care WAU!, l’esperienza decennale di tutor e docenti, i pagamenti dilazionati. E se non passi il test, accedi a “ammesso o ripreparato”.

Immagine in evidenza di F1 Digitals da Pixabay

Paola Pala

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU