Chat with us, powered by LiveChat

Università Milano-Bicocca, Vincenzo è il primo della graduatoria di Medicina. Ecco i suoi consigli

universita-milano-bicocca-vincenzo_1

Vincenzo è un ragazzo di Marsala, una città in provincia di Trapani che si affaccia sul mare siciliano, che lo scorso settembre è riuscito a raggiungere due grandi obiettivi: studiare Medicina e trasferirsi a Milano. Vincenzo con il punteggio di 87 è al primo posto nella graduatoria del test di Medicina 2016 dell’università Milano- Bicocca. In questo articolo ci racconta il suo percorso di preparazione e quanto il metodo Wau abbia influito sul suo evidente successo. Il test di ammissione si sta piano piano avvicinando, vi lasciamo, quindi, ai preziosi consigli di Vincenzo

 

Ciao Vincenzo, studiare Medicina è sempre stato il tuo sogno?

“Ciao, sì! Sin da piccolo la medicina e lo studio del corpo umano mi hanno affascinato.”

 

Quando hai iniziato a prepararti per il test di ammissione a Medicina?

“Ammetto di essere stato un po’ precoce: all’inizio del quarto anno di liceo. In quello stesso anno iniziai lo studio dell’anatomia umana. Dunque, decisi di dare un’occhiata ai test d’ammissione al corso di Medicina degli anni precedenti e mi resi conto di dover cominciare subito a prepararmi. Conciliare lo studio del liceo con quello per l’ammissione a Medicina è stato complesso e duro, ma ero convinto che le fatiche sarebbero state ripagate e così è stato.”

 

Ti sei posizionato primo nella graduatoria dell’università di Milano- Bicocca. Per quale motivo hai scelto questa sede?

“Principalmente due questioni hanno influenzato la mia scelta: ho da sempre adorato Milano, milanese dentro sin da piccolo, di conseguenza rimanevano due possibilità tra cui scegliere, la statale di Milano e la Bicocca. Nonostante fossi consapevole che la sede di Medicina della Bicocca fosse dislocata a Monza, ho optato per questa università per l’ottimo piano didattico offerto. Un po’ pesante, lo devo ammettere, ma sicuramente un programma in grado di mettermi alla prova e di farmi rendere conto delle fatiche che negli anni a venire avrei dovuto sopportare. Inoltre, non c’è stato un solo studente a cui avessi chiesto consigli che mi scoraggiasse e mi dicesse di optare per l’altra possibilità.”

 

Per prepararti al test hai utilizzato i materiali Wau. Quali sono stati i più utili per raggiungere il tuo obiettivo?

“Ho utilizzato ogni materiale ritenuto valido. WAU è stata sicuramente una delle risorse più utili, in particolare per il livello di difficoltà dei quesiti proposti che, a mio parere, raggiungevano quelli del test ufficiale. Sono state utilissime le simulazioni virtuali e sicuramente anche il libro di logica Cambridge che è stato in grado di chiarire, almeno per quanto mi riguarda, la marea di dubbi che sorgevano ogni qualvolta mi son trovato di fronte ad un quesito Cambridge.”

I quiz inediti e commentati di Wau sono stati un valido aiuto?

“Le simulazioni collettive sono state utilissime, oltre che per il livello di difficoltà proposto, anche per il commento a ognuno dei quesiti associato. Le correzioni commentate son state un ottimo momento per ripassare questioni teoriche magari sottovalutate e per chiarire i dubbi che magari potevano sorgere nello svolgimento della simulazione.”

 

Vorresti dare un consiglio a tutti ragazzi e le ragazze che tra meno di tre mesi sosteranno l’esame di ammissione per accedere alla facoltà di Medicina?

“Ti sembrerà banale e magari lo è, ma il mio consiglio è studiare! Serve davvero studiare e impegnarsi tanto. La preparazione al test d’ammissione mette chiunque di fronte a una delle tante fatiche che si dovranno sopportare una volta intrapreso il percorso di Medicina, l’impegno è essenziale. Studiare è la chiave di volta per superare il test, ma serve prepararsi in un certo modo: attenzione alla quantità sì, ma senza che la quantità prevalga sulla qualità. Quando si ha davanti il foglio coi quesiti ufficiali conterà poco l’aver immagazzinato nozioni che, almeno in una certa situazione, risultano superflue. Conterà piuttosto l’aver acquisito e assorbito un buon metodo per ragionare e risolvere i quesiti in maniera tempestiva.”

WAU

WAU

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU

RESTA AGGIORNATO

Ricevi tutte le ultime novità per prepararti al meglio al test