Articolo 6 medicina e convalida esami: come funzionano

articolo 6 medicina

Seguici sui social

In questo articolo trovi tutto quello che ti serve sapere sull’articolo 6 medicina e la convalida degli esami da biologia, biotecnologie, odontoiatria, professioni sanitarie a medicina.

Per precisione, specifichiamo subito che noi di WAU! non sappiamo quali atenei applichino l’articolo 6. Inoltre, talvolta capita che nonostante l’ateneo aderisca, determinati professori non permettano comunque di sostenere l’esame. Continua a leggere per maggiori info.

Una cosa da sapere è che non tutti gli atenei applicano l’articolo 6 e quelli che lo fanno non seguono la stessa procedura. Per questo, prima di iscriverti e sostenere esami informati presso la segreteria della tua facoltà. A volte queste informazioni sono disponibili sul sito dell’ateneo.

Sai già se hai passato il test di medicina 2021? La graduatoria nominativa medicina 2021 uscirà il 28 settembre. Il primo scorrimento della graduatoria sarà il 6 ottobre. Tuttavia, già il 17 settembre, dalla graduatoria dei punteggi anonimi potrai capire se hai passato il test di medicina o meno.

Se sei tra coloro che non hanno passato il test di medicina 2021 puoi fare solo due cose.

  • prima di tutto, scegliere una delle facoltà alternative a medicina, ad esempio biologia, chimica e CTF, biotecnologie, farmacia, professioni sanitarie e sfruttare l’articolo 6 e la procedura per la convalida degli esami.
  • a seguire, iniziare subito a studiare per il test medicina 2022. Parti dagli errori commessi nel test medicina 2021 per capire in quali materie hai ancora delle lacune.

Articolo 6 medicina: come funziona

In base all’articolo 6 medicina, gli studenti iscritti ai corsi di laurea possono sostenere fino a due esami di altri corsi di pari livello della stessa università, oltre a quelli previsti dal proprio piano di studi.

L’articolo 6 recita esattamente questo:

gli studenti, in aggiunta agli insegnamenti previsti per il proprio corso di laurea, possono iscriversi, per ciascun anno accademico, al massimo a due insegnamenti di altri Corsi di studio di pari livello e di medesimo ordinamento.

Il grande vantaggio dell’articolo 6 R.D. 1269/38, è che l’anno prossimo se passerai il test ti ritroverai con due esami già dati.

Ci sono due cose importanti da sapere sull’articolo 6 medicina:

  • ogni università segue una procedura diversa, quindi prima di decidere quali esami sostenere devi rivolgerti alla segreteria didattica;
  • gli esami di medicina sostenuti secondo dell’articolo 6 saranno utili soltanto se l’anno prossimo riuscirai a superare il test di accesso a medicina. Questi esami aggiuntivi non valgono per corsi di laurea diversi da medicina.

Articolo 6 La Sapienza

Ad esempio, a questo link trovi nel dettaglio come funziona l’articolo 6 a La Sapienza di Roma.

La procedura prevede una nota aggiuntiva per i corsi di medicina e odontoiatria. Infatti, c’è scritto:

Gli studenti che intendono presentare domanda per insegnamenti relativi ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e chirurgia o in Odontoiatria e protesi dentaria, oltre a presentare domanda presso la Segreteria amministrativa di competenza si devono rivolgere anche alla Segreteria didattica del corso di laurea relativo agli insegnamenti che intendono frequentare e dei quali intendono sostenere gli esami, per essere inseriti negli elenchi degli studenti frequentanti. Dopo aver effettuato il passaggio di corso a Medicina e Chirurgia o Odontoiatria e protesi dentaria (a seguito di superamento del concorso), gli studenti non possono più usufruire delle sessioni di recupero dell’anno accademico precedente per sostenere gli esami ex art.6 eventualmente mancanti.

Convalida esami: come funziona

Passiamo adesso a come convalidare gli esami universitari. Questa procedura, insieme all’articolo 6, ti aiuterà a non restare indietro nonostante tu non abbia superato il test medicina 2021.

Le facoltà alternative a medicina citate prima, chimica e CTF, biotecnologie, biologia, farmacia, professioni sanitarie, prevedono alcuni esami che includono parte del programma del primo anno di medicina.

La bella notizia è che puoi chiedere alla segreteria studenti il riconoscimento di questi esami. Tuttavia, prima dovrai verificare il piano di studio e informarti presso la segreteria didattica dell’università che vorresti frequentare perché le procedure cambiano da università a università, come per l’articolo 6.

Di solito, la documentazione da presentare per la convalida degli esami comprende:

  • i programmi degli insegnamenti seguiti, per verificare che le conoscenze siano adeguate;
  • un’autocertificazione o altro documento che attesti gli esami fatti e i crediti conseguiti;
  • l’istanza di trasferimento.

La procedura per il passaggio da biologia a medicina, per la convalida degli esami da farmacia, da scienze biologiche, da chimica, è questa, ma può cambiare da un ateneo all’altro:

  1. lo studente presenta la documentazione alla segreteria amministrativa che la passa alla segreteria didattica, o direttamente a quest’ultima;
  2. la segreteria didattica trasmette la documentazione al presidente del corso, a una specifica commissione o all’organo di corso;
  3. la segreteria amministrativa riceve quanto deliberato dall’organo competente per proseguire con la convalida degli esami.

Fai attenzione: il procedimento di convalida presuppone che lo studente abbia già acquisito parzialmente o interamente tutti i contenuti dell’insegnamento oggetto di convalida.

A scopo di esempio, alleghiamo la tabella per la convalida degli esami a medicina La Sapienza. Gli esami convalidati conservano la stessa votazione.

Grazie all’articolo 6 e alla procedura per la convalida degli esami, recupererai l’anno perso per non aver passato il test 2021.

Iscriviti ai corsi di preparazione ai test di ammissione 2022. I corsi WAU! comprendono videolezioni, quiz, simulazioni, manuali e in più il supporto prezioso dei nostri esperti docenti e dei tutor, sempre pronti a rispondere ai tuoi dubbi e darti la motivazione giusta per prepararti con successo al test.

Immagine in evidenza di Jana Schneider da Pixabay

Nadia Plamadeala

Nadia Plamadeala

La comunicazione non è solo il mio lavoro. È il mio mondo. Sono mediatrice interculturale, social media manager, copywriter e brand reputation manager nel settore hospitality. Inoltre, collaboro come giornalista per testate che parlano di intercultura. Le 6 lingue che parlo fluentemente mi danno una grossa mano a spaziare tra temi, settori e interessi degli utenti globali del web.

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU