Centrioli: cosa sono e a cosa servono

centrioli

Seguici sui social

Ti stai preparando per il test di medicina, veterinaria, professioni sanitarie e vuoi ottenere il massimo del punteggio nelle domande di biologia?

Come ben sai, i quiz di biologia del test di medicina sono 18 e possono farti volare in graduatoria per riuscire a immatricolarti nella facoltà dei tuoi sogni.

Tra i temi importanti dei quesiti di biologia ci sono la mitosi e la meiosi. In questo articolo ti spieghiamo cosa sono i centrioli, che partecipano attivamente a questi due processi.

Studia i centrioli e aumenta le tue possibilità di migliorare il punteggio totale del test di medicina.

Cosa sono i centrioli

Cosa sono i centrioli? Durante la profase della mitosi possiamo vedere al microscopio una coppia di piccole strutture cilindriche che contengono microtubuli e che, orientate ad angolo retto, vanno a costituire i centrosomi. Questi sono i centrioli, che si generano per duplicazione.

Che cosa sono i centrosomi? L’intera struttura dei centrioli insieme al materiale proteico che li tiene uniti è il centrosoma, centro di organizzazione dei microtubuli, in inglese MTOC da Microtubule Organizing Center. Durante la divisione cellulare il centrosoma si separa in due centrioli.

In seguito, i centrosomi cominciano a formare il fuso mitotico, a cui verranno poi agganciati i cromosomi a livello della loro regione centrale, e il centromero che contiene i cinetocori.

Inoltre, è importante sapere che i centrioli si trovano nella maggior parte degli eucarioti, ad eccezione dei funghi e delle piante gimnosperme e angiosperme. Nella cellula vegetale i centrioli non sono presenti nel centrosoma.

Non ricordi cos’è il cinetocore? Vai a Cos’è il cinetocore e a cose serve.

Centrioli: struttura

Scopriamo adesso la struttura dei centrioli: come sono organizzati? I centrioli sono strutture citoplasmatiche cilindriche formate nello specifico da 9 triplette di microtubuli che si dispongono a raggiera formando un cilindro cavo. Le triplette adiacenti sono interconnesse grazie a del materiale fibroso, struttura presente anche nei corpi basali di ciglia e flagelli.

Dove si trovano i centrioli? Li possiamo osservare vicino all’apparato di Golgi, dove formano il fuso mitotico durante il processo di mitosi.

Quanti centrioli ci sono in una cellula? I centrioli si presentano in coppie. Visto che si generano per duplicazione a partire da altri centrioli, di solito possiamo identificare un centriolo madre formato nel ciclo cellulare precedente e un centriolo figlio. Data la loro capacità di duplicarsi, gli scienziati ipotizzano che contengano del DNA.

A cosa servono i centrioli

La funzione principale dei centrioli è quella di aggregare gli altri elementi del citoscheletro, per sua natura instabile, grazie alla loro struttura stabile. I centrioli sono molto importanti perché coinvolti nell’assemblaggio del fuso mitotico, che a sua volta servirà per il successivo movimento dei cromatidi verso i poli opposti della cellula in divisione.

Quindi, il ruolo dei centrioli nel processo di divisione cellulare per mitosi e meiosi è fondamentale.

Quando sono visibili i centrioli in mitosi? Come abbiamo già detto, dalla profase i centrioli sono visibili al microscopio, ma già dall’interfase è possibile osservare un centriolo precursore e uno figlio. Ora che sai di più sulla loro fase di formazione, scopriamo quando i centrioli si separano.

Quando si duplicano i centrioli? La separazione avviene durante la fase S del ciclo cellulare, quella di duplicazione del materiale genetico. All’inizio il nuovo centriolo non ha microtubuli che acquisisce in seguito quando si allontana dal centriolo madre.

Iscriviti ai corsi di preparazione ai test di ammissione 2022. I corsi WAU! comprendono videolezioni, quiz, simulazioni, manuali e in più il supporto prezioso dei nostri esperti docenti e dei tutor, sempre pronti a rispondere ai tuoi dubbi e darti la motivazione giusta per prepararti con successo al test.

Immagine in evidenza di Trust “Tru” Katsande su Unsplash

Nadia Plamadeala

Nadia Plamadeala

La comunicazione non è solo il mio lavoro. È il mio mondo. Sono mediatrice interculturale, social media manager, copywriter e brand reputation manager nel settore hospitality. Inoltre, collaboro come giornalista per testate che parlano di intercultura. Le 6 lingue che parlo fluentemente mi danno una grossa mano a spaziare tra temi, settori e interessi degli utenti globali del web.

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU