Chat with us, powered by LiveChat

Ecco perché sbagli a non affrontare subito le simulazioni

errori

Se pensi di svolgere delle simulazioni solo dopo aver acquisito tutte le nozioni sbagli. Qual è quindi il metodo migliore?

Una volta che avrò finito di studiare tutto farò solo simulazioni”. Questa è una delle frasi più usate dagli studenti che si preparano al test per l’accesso alle facoltà a numero programmato. Dicendo questo, pensano che per svolgere delle simulazioni bisogna obbligatoriamente aver terminato tutti i programmi di tutte le materie.

Non si sa quale legge morale imponga ciò, non si sa quale motivazione di fondo giustifichi questa frase apparentemente senza senso, non si conosce la legge fisica che regola questo assioma.

Il punto è che in molti adottano questo metodo. Se anche tu stai attualmente seguendo questo metodo, cambia rotta. Perché? Te lo spiego.

Simulazioni come indice di preparazione

Il metodo migliore per capire a che punto sia la tua preparazione è affrontare una simulazione. Non importa se hai studiato poco o male, non importa se non conosci come si divide un mitocondrio (se non lo sapessi, scissione binaria!), l’importante è che tu  faccia una simulazione il prima possibile. Prima la farai, più tempo avrai per migliorare.

Bene, ora hai finito la tua prima simulazione. Hai visto il tuo punteggio e che sia a una o a due cifre non ti interessa. Quello che deve rimanerti dalla prima simulazione è la tua situazione dello studio, a che punto sei arrivato, in che percentuale ti senti pronto, quali sono gli argomenti su cui vai forte e quelli su cui arranchi un po’.

Capisci bene quindi che la prima simulazione è uno step fondamentale per il tuo studio, è un qualcosa che ti fa capire da dove parti.

E se non sai da dove parti, non puoi arrivare dove vuoi.

Non far mai diminuire il punteggio della prima simulazione

Questo è un punto fondamentale, che richiede da parte tua uno sforzo enorme. Il punteggio che hai ottenuto alla prima simulazione deve essere il punteggio più basso che tu otterrai.

Non puoi e non devi fare punteggi al di sotto di quello, perché  questo vorrebbe dire che non c’è stata una crescita nella tua preparazione.

Se alla tua prima simulazione in assoluto hai totalizzato 20 punti, non accettare di totalizzare dopo settimane o mesi di studio un punteggio inferiore a questo. Se succede, questo vuol dire che qualcosa non ha funzionato nel tuo metodo, nella tua testa o nel tuo studio. Ecco quindi che il punteggio della prima simulazione ti dice quanto è stato efficace il tuo studio.

Puoi capire se stai studiando nel modo giusto però solo se ti eserciti periodicamente. Chi dice che chi non ha studiato tutti i programmi di biologia, chimica e compagnia bella non si possa esercitare? Dove è scritto?

Tu devi esercitarti, devi affrontare simulazioni periodicamente, devi poter capire dove sei arrivato e quanto ti manca per l’obiettivo.

simulazioni test di ingresso

A piccoli passi si arriva al successo

Non aspettarti però che il punteggio della tua simulazione iniziale lieviti in maniera lineare ed esplosiva. Infatti potranno esserci durante il tuo percorso dei momenti di stallo, in cui il tuo punteggio non cresce oppure decresce. A questo punto devi rivedere il metodo di studio che hai usato, capire cosa realmente non è andato e cercare di determinare la causa di quel piccolo insuccesso, perché  devi ponderare le tue decisioni future in base ai fattori che hanno influenzato quel calo di punteggio.

Considerata la non-linearità della curva punteggi, non è da aspettarsi neanche l’esplosività di questa curva. Non puoi pretendere che dopo alcune settimane il tuo punteggio iniziale di 20 salga a 40. Non succederà perché  questo processo di crescita è basato proprio su piccoli passi, su lievissimi miglioramenti giornalieri, settimanali o addirittura mensili.

Perciò, sii felice se, dopo una settimana di studio passi da un punteggio iniziale di 20 ad uno di 22. Forse tu non te ne rendi conto ma è un grandissimo passo e ti faccio capire perché .

Se incrementassi i punteggi delle tue simulazioni di 2 punti a settimana, dopo due mesi avresti incrementato il tuo punteggio di circa 16 punti! Un’enormità che ti permetterebbe di triplicare il tuo 20 iniziale in circa cinque mesi, arrivando a toccare picchi di 50-60 punti!

Affrontare simulazioni periodicamente è l’unico  metodo efficace che ti permette di monitorare la tua situazione, ti permette di pianificare le tue mosse future.

Ti permette di organizzarti per migliorare.

 

Mario Affatato

Mario Affatato

Studente di Medicina, faccio parte dello staff di WAU da poco ma mi sento a casa.
Marcet sine adversario virtus.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Ecco a cosa servono le simulazioni: impara la gestione del tempo

Test 2016: ecco le date ufficiali delle prove di ingresso ai corsi a numero programmato

Le 5 tecniche di memoria più efficaci per prepararsi al test d’ingresso a Medicina

WAU

WAU

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU

Entra in WAU!

500 quiz inediti e commentati classificati per materia, argomento e livello di difficoltà + 500 quiz ministeriali. Tutto ciò che ti serve per prepararti al Test di Ammissione.

Cosa aspetti? Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato.