Chat with us, powered by LiveChat

“Grazie alla Summer School ho perfezionato lo studio di alcuni argomenti. Il giorno del test ero sereno!” L’esperienza di Alessandro

summer-school-wau-alessandro-papa

Manca poco all’inizio delle nostre Summer School e vogliamo raccontarvi come hanno vissuto questa esperienza i ragazzi che hanno partecipato l’anno scorso. Oggi, diamo la parola ad Alessandro, uno studente di medicina dell’università di Pavia, che esattamente un anno fa ha partecipato al nostro corso intensivo di preparazione al test di ammissione. Ha superato la prova con un ottimo punteggio e ha realizzato il suo grande sogno. Ci racconta la Summer School e come ottenere il massimo rendimento da questa esperienza che Wau offre a tutti coloro che vogliono raggiungere questo importante obiettivo.

Ciao Alessandro, per quale motivo hai deciso di studiare Medicina? Perché a Pavia?

“Nel corso dei miei studi liceali ho sempre avuto un particolare interesse per le materie scientifiche. Il quarto anno in particolare, durante le ore di biologia, abbiamo trattato i vari sistemi e apparati del corpo umano. Ricordo ancora i pomeriggi passati ad approfondire quei concetti che trovavo cosi affascinanti. Seppure intimorito dal lungo percorso di studi di Medicina, decisi che quello sarebbe stato il mio principale obiettivo universitario, forte anche delle molteplici opportunità lavorative che questa laurea offre: dalla clinica alla ricerca, senza dimenticare la chirurgia. Ho scelto Pavia, innanzitutto, per la tradizione storica della sua università e in particolare della facoltà di medicina.  Pavia ha, allo stesso tempo, quasi 1/3 degli abitanti impegnati negli studi universitari, un elevato tasso di studenti proveniente dall’estero e ospita numerosi collegi. Insomma, come città aveva tutte le premesse per rivelarsi l’ambiente perfetto per conciliare studio e svago.”

 

Per prepararti al test di ammissione hai scelto il metodo Wau. Perché?

“Ho conosciuto WAU quasi per caso grazie al loro gruppo Facebook. Ho scelto di affidare buona parte della mia preparazione a loro perché il metodo WAU non proponeva scorciatoie. Quest’ultima può quasi suonare stupida come motivazione, ma fu la prima impressione che ebbi leggendo la guida. Il metodo WAU non propone un modo per arrivare prima al tuo obiettivo, una via di fuga al test, ma ti suggerisce come fare per superarlo, come poter raggiungere quella tanto desiderata ammissione. WAU ti dà delle ottime armi da poter usare durante la preparazione e il giorno del test, e ti insegna anche a sfruttarle nel migliore dei modi. Se e come usarle, però, spetta a te!”

Oltre ad utilizzare il materiale online e offline che Wau offre ai suoi studenti, hai partecipato all’edizione 2016 della Summer School. Ci racconti una giornata tipo?

“Le giornate prevedevano una divisione di argomenti di studio tra mattina e pomeriggio. In ciascuna parte della giornata veniva trattato un argomento dai docenti WAU e alla fine di ciascuna lezione veniva fatta un’esercitazione su ciò che era stato spiegato. I risultati dell’esercitazione dividevano la classe in due gruppi a seconda del punteggio. Chi aveva ottenuto un punteggio alto provava a spiegare gli errori a chi aveva avuto maggiori difficoltà. Le parti venivano quindi invertite, non c’era più il rapporto docente-studente, ma il tutto diventava un confrontarsi tra noi ragazzi per capire gli errori e le difficoltà dell’argomento. Ogni 3 giorni si faceva una simulazione per valutare i miglioramenti ottenuti nel corso delle giornate. Ogni simulazione era ovviamente corredata da un’attiva discussione tra noi studenti che spesso e volentieri arrivava a protrarsi fino a tarda serata.”

Perché la Summer School è stata utile per arrivare preparato al test di ammissione?

“È stata un’esperienza utile per diverse ragioni: ho potuto acquisire maggiore sicurezza in me stesso e ho perfezionato lo studio di alcuni argomenti che, seppur abbastanza chiari, non riuscivo a maneggiare completamente. Questo è stato possibile grazie al confronto con gli altri ragazzi! Cercare di spiegare ad un tuo coetaneo un argomento è il banco di prova migliore per vedere se quella parte del programma è per te chiara o meno. In secondo luogo, l’ambiente che si creava durante le simulazioni era di quanto più simile ho potuto testare sulla mia pelle a quello che ho trovato il giorno del test. Credo che il giorno del test la poca ansia fosse dovuta proprio al fatto che avevo vissuto quella situazione altre volte e questo mi portava a vedere la situazione da un punto di vista di oggettivo.”

Hai stretto delle amicizie con gli altri partecipanti provenienti da tutta Italia?

“Durante le 2 settimane della Summer School ho conosciuto tanti ragazzi con i quali ho stretto un’ottima amicizia che perdura tuttora. Condividere le stesse paure, le stesse ansie e gli stessi obiettivi ti porta a instaurare rapporti che difficilmente si perdono. Molti ragazzi che hanno frequentato la Summer School ora studiano medicina in diverse sedi d’Italia e spesso ci troviamo a confrontarci su esami e argomenti. Sicuramente anche dal lato umano la Summer School è stata molto istruttiva.”

Vuoi dare tre consigli ai ragazzi che sosterranno l’esame a settembre?

“Il primo consiglio che mi sento di dare è quello di studiare insieme. Create dei gruppi di studio, suddividete il programma ministeriale in parti e affrontate ogni giorno un argomento cercando di fissare al meglio i concetti principali. Il secondo consiglio è quello di prendersi delle pause. Potrebbe sembrare un qualcosa di controproducente, ma vi assicuro che staccare la spina per un pomeriggio può giovare molto. Dopo una settimana di studio intenso, concedetevi un pomeriggio di svago, una mattina al mare o una serata al cinema, vedrete che dopo tornerete a studiare più rilassati e concentrati. L’ultimo consiglio riguarda il giorno del test. Quando vi siederete su quella sedia, impugnerete la penna e inizierete a leggere le domande, la cosa più importante che dovete sforzarvi di fare sarà mantenere la calma. L’ansia (se poca) va bene fino a 10 minuti prima della prova. A questo punto tirate un bel sospiro, ricordate i mesi che avete investito per arrivare dove siete e convincetevi che tra voi e l’accesso alla facoltà di medicina ci sono solo una manciata di domande, domande a cui, con la giusta preparazione e impegno, potete rispondere senza problemi.”

Siete incuriositi dalla nostra Summer School 2017? Volete avere maggiori informazioni? Entrate nella sezione Summer School 2017 e scoprite i nostri campus di Sorrento e Bosa.

Non esitate a contattarci! Inviate una mail all’indirizzo info@wauniversity.it e seguiteci su Facebook e Instagram!

WAU

WAU

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU

RESTA AGGIORNATO

Ricevi tutte le ultime novità per prepararti al meglio al test