Chat with us, powered by LiveChat

Test medicina 2018: i 5 errori che non devi commettere durante la prova e la preparazione

i-5-errori-da-non-commettere-al-test-di-medicina-2018-fb

Il test di ammissione a medicina e ai corsi di laurea medico sanitari

è diventato un ostacolo all’ingresso dell’università molto sentito e discusso in tutta Italia, oltre 120.000 sono i concorrenti che partecipano ai test, circa 60.000 al test di medicina per solamente 9.000 posti, riservati ai migliori 9.000 studenti del concorso.

test medicina 1°.jpeg

Analizziamo chi passa il test di medicina

Valutando il test 2017, abbiamo suddiviso i 60.000 concorrenti in 5 gruppi, in base al punteggio, considerando il punteggio minimo di ingresso a medicina e odontoiatria di 58,8/90 punti:

-“Geni”: punteggio superiore ad 80 su 90

-Super pronti: punteggio compreso tra 70 e 80

-Determinati: punteggio compreso tra 60 e 70

-Fortunati: punteggio compreso tra 58,8 e 60

-Prossimo anno: punteggio inferiore a 58,8

REGISTRATI GRATUITAMENTE SUL NOSTRO PORTALE WAU! CLICCA QUI

Test medicina 2018 punteggio minimo 2^.jpeg

I “geni”

Tra virgolette perché non c’è niente di geniale nel fare un punteggio alto in questo test

Vi assicuro che è molto più complesso uscire da medicina piuttosto che entrare; non prendiamoli nemmeno in considerazione: bravissimi, siete stati eccezionali! Uno dei nostri studenti in aula Edoardo Filigheddu (leggi l’intervista) è arrivato primo a Sassari con 79,1 su 90; uno dei nostri 10.000 studenti iscritti al portale online, Francesco Ursini, è arrivato 25° in Italia e 3° a Pavia con 85.

Test medicina 2018 punteggio minimo 3°.jpeg

I super pronti

Sono 2319 su 60.000, circa il 25% degli assegnati e per ottenere questo punteggio compreso tra 70 e 80 hanno commesso pochissimi errori ed erano preparatissimi in tutte le materie.

Quasi tutti hanno totalizzato almeno 1,5 punti in cultura generale, almeno 9 punti in matematica e fisica, 25,5 punti in logica, 22,5 punti in biologia e 13,5 in chimica. La media del numero di errori è 3. I punteggi vicini all’80 contemplano 1-2 errori e oltre 27 punti in logica, 24 in biologia e 15 in chimica. Tutti loro hanno fatto una valanga di quiz durante la preparazione, oltre 20.000 su tutto il programma ministeriale.

Test medicina 2018 punteggio minimo 4°.jpeg

I determinati sono la maggior parte. 

Hanno fatto un punteggio compreso tra 60 e 70 punti e sono 6331. Quasi tutti questi studenti hanno fatto un mix di strategie, tra la preparazione tradizionale di solo studio teorico e quiz a fasi alterne.

La maggior parte di loro non è entrato nella prima scelta, ma comunque è entrato, dunque BRAVI!! Sicuramente hanno creduto di superare il test sin dal principio, hanno seguito ottimi consigli, magari fatto un corso di preparazione specifico, hanno tenuto il focus sullo studio per molti mesi. A nostro avviso sono gli studenti che sono riusciti a gestire tutto, seppur faticosamente: scuola/università, patente, sport, amicizie, fidanzato/a, lavoro/impegni vari. Un esempio per tutti. Hanno sicuramente rinunciato all’estate prima del test.

Test medicina 2018 punteggio minimo 5°.jpeg

I fortunati sono 993 e hanno fatto un punteggio compreso tra 58,8 e 60.

Quasi tutti non sono stati assegnati nella prima scelta e ora sono studenti fuori sede.

Li chiamiamo “fortunati” perché sarebbe bastato un attimo di distrazione, un calo ipoglicemico dovuto alla stanchezza, un prurito inatteso o la pipì incontenibile, per sbagliare una risposta in più e non superare la prova! Sono sicuramente studenti che hanno fatto molti errori, hanno tentati molte risposte, ma anche se erano meno preparati degli altri, si meritano quel posto in medicina: BRAVI!

Ci dispiace tantissimo per chi rientra nel settore rosso, il “prossimo anno”

E anche se molti di loro non sono passati per un soffio, come me qualche anno fa che per 1,5 punti non sono entrato, possiamo farvi le congratulazioni per aver accettato l’insuccesso ed esservi rimessi in gioco! Sicuramente molti di voi hanno già capito cosa avete sbagliato l’anno scorso durante la preparazione al test.

I 4 classici errori durante la preparazione al test di medicina

  1. Non ha mai realmente creduto di superare il test, ti sentivi spesso “non all’altezza”
  2. Studiavi quasi tutto il tempo con l’ansia invece di realizzare che non saresti mai riuscito a ricordare tutto (normalissimo) e che sarebbe servito molto di più imparare a risolvere i quiz con un metodo specifico
  3. Hai fatto più studio teorico che preparazione sui quiz, preferendo lo studio in solitudine, per paura di confrontarti o perdere tempo
  4. Eri molto altalenante nello studio e probabilmente hai dedicato più tempo alla maturità/università piuttosto che al test

 

Col senno di poi avresti cambiato strategia ovvero:

  1. Studiare senza preoccuparsi più di tanto del test, cercando di capire come realizzare 60 punti, senza puntare a dover ricordare tutto, magari studiando anche matematica e fisica che hai probabilmente snobbato
  2. Fare più quiz e dagli errori pianificare lo studio teorico, ma facendo migliaia di quiz, anche più di una volta
  3. Studiare in gruppo, per avere sostegno emotivo, ma soprattutto confronto
  4. Dedicare tutto il tempo al test, perché la maturità alla fine è davvero un esame banale come dicono e gli esami all’università non ti sono bastati, avresti dovuto incentrare tutto sul test
  5. CREDERCI DAVVERO, senza aver paura di sbagliare al test

Arriva il test di medicina, veterinaria, professioni sanitarie 2018. La cosa peggiore che potrebbe succedere è di non superare il test per questi 5 COMUNI ERRORI DA EVITARE:

  1. DIMENTICARE DI FIRMARE l’anagrafica!!

    Tantissimi studenti ogni anno vengono esclusi dalla prova per un dettaglio così banale. Il consiglio n° 1 è di farlo subito e di allenarsi a casa durante le simulazioni, compilando una scheda a parte dove inserire i tuoi dati anagrafici e la firma, così creerai un automatismo e il giorno del test te lo ricorderai sicuramente

  1. NON COMPILARE LA SCHEDA DELLE RISPOSTE perché non ti basta il tempo!!

    Il crucio dei “poco allenati nelle simulazioni”: il tempo. Nella guida gratuita creata per voi (clicca qui per registrarti gratis, la troverai in “aula studio”) per aiutarvi a superare il test lo ripetiamo ovunque: gestire i 100 minuti è imprescindibile per superare il test di ammissione. Il consiglio n° 2 è metti SUBITO la risposta corretta nella scheda, soprattutto nella prima fase del test, in cui hai trovato subito le domande facili. Porta con te un orologio digitale che ti avvisa ogni 15/20 minuti e quando suona la sveglia controlla se puoi mettere altre risposte nella scheda.

  1. FARTI PRENDERE DALLA TENSIONE

    E continuare a rispondere. Se ti accorgi che sei in panico, sudi eccessivamente, sei nervoso, non riesci a concentrarti FERMATI! Investi 5 minuti per evitare di compromettere la prova: molla la penna, respira profondamente con il diaframma (riempiendo la pancia insomma) almeno 7 volte, guardati intorno e ricordati che quel giorno è molto importante e come tutte le sfide della vita è arrivato il momento di essere coraggiosi. Pensa a quanto hai faticato nei mesi prima, DECIDI ORA che ti meriti più di chiunque altro quel posto all’università, pensa a quando sarai già medico, quanto sarai buono con i pazienti e quanto studierai per essere sempre aggiornato e poter essere veramente di aiuto al prossimo. Questo È SOLO UN TEST, non dice quanto vali o quanto sarai bravo come medico, dice quanto ti sei impegnato e se hai utilizzato le migliori strategie specifiche per superare i test a risposta multipla. D’altronde il paziente non saprà mai se hai superato il test al primo/secondo/terzo/quarto tentativo.

    Il paziente noterà quanto ti impegni per aiutarlo e quanto appari competente!

 

  1. NON RISPONDERE A TUTTE LE DOMANDE CHE SAI

    Perché pensi che ci sia un trabocchetto e che il MIUR abbia creato dei quiz così perfidi che hanno contemplano tutti i tuoi ragionamenti errati inserendoli nelle alternative delle risposte. Dal trend degli ultimi 2 anni di test di ammissione si è visto che la prova è davvero semplice: se hai studiato e capito l’argomento e trovi la risposta che avevi pensato subito leggendo la domanda, allora METTILA e non aver paura.

    Sul profilo Instagram wauniversity.it abbiamo pubblicato numerose strategie di approccio al test e di semplificazione dei quiz, ma comunque le puoi trovare anche nella GUIDA GRATUITA DI PREPARAZIONE AL TEST che abbiamo creato per te (LA TROVI IN AULA STUDIO DOPO IL LOGIN A QUESTO SITO)

 

  1. CAMBIARE LE RISPOSTE NELL’ULTIMA FASE DEL TEST

    Quando sei ormai stanco e hai usato la migliore concentrazione nei primi 60 minuti. Pensi davvero che i ragionamenti che farai verso la fine del test siano migliori dei primi fatti quando eri super concentrato? Dato che sai benissimo che non è così, ricordati che la paura comincerà a crescere quando starai per consegnare il plico perché sta per finire il tempo e rileggendo le domande e le risposte che hai messo, metterai in discussione tutti i ragionamenti fatti in precedenza. NON CAMBIARE LE RISPOSTE perché nel 90% dei casi cambi una risposta corretta in una errata.

 

Seguici su facebook WAU TEST AMMISSIONE e su Instagram WAUNIVERSITY.IT, pubblichiamo spesso articoli importanti e utili, consigli e soprattutto tanti quiz inediti che ti possono aiutare a prevedere le domande che ci saranno nel test!

REGISTRATI GRATUITAMENTE SUL NOSTRO PORTALE WAU! CLICCA QUI

SE TI PIACCIONO I MATERIALI DIDATTICI DEMO, ACQUISTA UN PACCHETTO DI PREPARAZIONE AL TEST DI MEDICINA 2018. VISIONA QUI I PACCHETTI

WAU

WAU

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU

Entra in WAU!

500 quiz inediti e commentati classificati per materia, argomento e livello di difficoltà + 5000 quiz ministeriali. Tutto ciò che ti serve per prepararti al Test di Ammissione.

Cosa aspetti? Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato