Chat with us, powered by LiveChat Medicina o veterinaria: cosa scegliere

È più difficile medicina o veterinaria?

medicina o veterinaria

Seguici sui social

Meglio medicina o veterinaria? Quale di queste lauree ti offre più opportunità sul mercato del lavoro? Chi guadagna di più tra un medico e un veterinario?

Se non sai cosa scegliere tra medicina e veterinaria, leggi questo articolo per chiarirti le idee. Capirai meglio cosa si studia e la reale durata dei corsi di laurea in medicina e veterinaria. Inoltre, scoprirai le statistiche occupazionali e gli sbocchi professionali.

Medicina o veterinaria

Cominciamo da una breve descrizione dei corsi di laurea per analizzare meglio le loro specificità. Per tanti aspiranti studenti la durata del corso di laurea è fondamentale perché da essa dipende il momento in cui potranno diventare indipendenti economicamente. Altri invece non riescono a studiare materie che non sono di loro interesse.

Continua a leggere per sapere durata, materie e modalità di accesso alla laurea in medicina e a quella in veterinaria.

Laurea in medicina

La laurea in medicina e chirurgia è una laurea magistrale a ciclo unico della durata di 6 anni. Ogni anno ti sarà richiesto di acquisire circa 60 Crediti Formativi Universitari per un totale di 360 CFU. Dopo aver superato gli esami, dovrai preparare e discutere la tesi di laurea.

Il primo biennio della laurea in medicina è teorico e dedicato alle conoscenze di base. Invece, dal terzo anno sarai sempre più impegnato in tirocini pratici che ti aiuteranno a lavorare in autonomia dopo la laurea. Nel primo biennio, quindi, dovrai superare esami come anatomia, istologia, chimica, biochimica e genetica, ma anche fisica, biologia e lingua inglese.

Dal terzo anno in poi oltre alle lezioni in aula parteciperai a delle attività formative professionalizzanti. In questi anni studierai direttamente sul campo le discipline cliniche, del lavoro, della sanità pubblica, potrai approfondire le specialità mediche e chirurgiche, imparerai a lavorare in un laboratorio e scoprirai come funziona la diagnostica per immagini.

Infine, il sesto anno di solito è interamente dedicato al tirocinio professionalizzante in ospedali, policlinici, ambulatori o altre strutture sanitarie.

Dopo aver conseguito la laurea in medicina e chirurgia, potrai proseguire gli studi iscrivendoti a un corso di specializzazione, che dura in media altri 5 anni e ti permette di approfondire la professione scelta.

L’accesso alla facoltà di medicina è a numero programmato nazionale. Il Ministero dell’Istruzione stabilisce ogni anno quante persone possono iscriversi a questa facoltà. Pertanto, è prevista una selezione tramite il test di ingresso di medicina e odontoiatria. La prova è molto complicata e di solito riesce a superarla solo 1 candidato su 5.

Dal 2023 il test di medicina cambierà ma non è prevista l’abolizione del numero programmato. Pertanto, dato il numero dei candidati, entrare a medicina continuerà a essere molto difficile e richiederà ancora tanto studio, costanza e impegno.

Laurea in veterinaria

La laurea in medicina veterinaria è un corso magistrale a ciclo unico che dura 5 anni, nei quali dovrai acquisire 300 CFU. Come in medicina, nei primi anni studierai le basi delle materie che ti serviranno in futuro: istologia, chimica, biochimica, fisica e anatomia in ambito veterinario. In seguito, studierai dissezione anatomica, zootecnica, virologia, produzione animale, controllo e certificazione degli alimenti.

I primi tre anni della facoltà di veterinaria si basano su lezioni frontali e sull’acquisizione delle basi teoriche. Invece, durante l’ultimo biennio dovrai seguire tirocini pratici in ispezione degli alimenti, clinica medica, chirurgica e ostetrica in ambito veterinario.

Anche l’accesso alla facoltà di veterinaria, come per medicina, è ad accesso programmato. Il test di veterinaria negli atenei pubblici si svolge in data unica a livello nazionale, ma come medicina dal 2023 potrebbe cambiare.

Per veterinaria i posti disponibili sono meno rispetto ai posti per medicina ma i candidati sono comunque tanti e riesce ad entrare circa 1 ogni 10.

Una cosa da sapere è che al momento non è attiva alcuna laurea breve in veterinaria in Italia. Non bisogna fare confusione tra la laurea in medicina veterinaria di durata quinquennale e la laurea triennale in Scienze zootecniche e tecnologie delle produzioni animali, richiesta per lavorare come tecnici agronomi, zootecnici o tecnici di laboratorio veterinario.

Più difficile medicina o veterinaria

Se ti stai chiedendo se è meglio studiare medicina o veterinaria o quale offra più sbocchi lavorativi, ti sarà utile leggere questo paragone tra i due corsi di laurea. Più esattamente, abbiamo confrontato:

  • durata del corso di laurea
  • tipo di studio
  • test di ammissione
  • sbocchi lavorativi
  • stipendio

Durata del corso di laurea

Quanto dura la laurea in medicina? Dura 6 anni più l’eventuale specializzazione. Quanto dura la laurea in veterinaria? 5 anni.

Quindi, la laurea magistrale a ciclo unico in medicina dura un anno in più rispetto a veterinaria. Anche le specializzazioni di medicina e veterinaria hanno durate diverse. Le specializzazioni di medicina possono durare da 2 a 6 anni e in media sono di 5 anni, mentre quelle di veterinaria di solito durano 3 anni.

In conclusione, se scegli la laurea in veterinaria entrerai nel mercato del lavoro mediamente 3 anni prima di chi sceglie la laurea in medicina. Questa può essere una considerazione importante da fare se vuoi iniziare a lavorare il prima possibile e raggiungere così l’indipendenza economica.

Tipo di studio

Gli esami in comune tra veterinaria e medicina sono tanti. Anatomia, biochimica, citologia, genetica, patologia generale e cellulare sono alcune delle materie che si studiano in entrambi i corsi di laurea. Oltre a queste, in veterinaria si studiano delle materie specifiche dell’ambito animale come parassitologia, epidemiologia veterinaria o zootecnica.

Il numero degli esami dei due corsi di laurea è simile. Gli esami in veterinaria sono circa 29-30, mentre a medicina sono più o meno 36.

Entrambi i corsi richiedono molto studio mnemonico e prevedono un tirocinio pratico formativo che però ha molto più peso in medicina. Inoltre, mentre il medico si specializza su un solo tipo di paziente, cioè l’uomo, il veterinario studia vari animali e deve aggiornarsi in continuazione. Questo può rendere il suo studio più dispersivo.

Test di ammissione

Cosa cambia tra il test di medicina e veterinaria? I due test sono simili per molti aspetti: entrambi i test si svolgono a settembre e prevedono 60 domande a quiz con 5 opzioni di risposta, di cui solo una corretta alle quali rispondere in 100 minuti. Le materie sono le stesse anche se sono ripartite in modo diverso.

Fino al 2021, nel test di medicina c’erano:

  • 12 quesiti di cultura generale
  • 10 quesiti di logica
  • 18 quesiti di biologia
  • 12 quesiti di chimica
  • 8 quesiti di matematica e fisica

Invece, la divisione delle domande nel test di veterinaria era la seguente:

  • 12 quesiti di cultura generale
  • 10 quesiti di logica
  • 16 quesiti di chimica
  • 16 quesiti di biologia
  • 6 quesiti di matematica e fisica

Tuttavia, il test di veterinaria dal 2022 potrebbe essere modificato come quello di medicina, con poche domande di cultura generale o addirittura nessuna, in favore di quelle di logica.

Quindi, è più difficile il test di medicina o veterinaria? La difficoltà è simile, perché i test sono quasi uguali e i posti sono limitati, a fronte di un numero molto alto di candidati. In conclusione, non possiamo dire se sia più facile entrare a medicina o a veterinaria perché ogni anno dipende dalla preparazione degli altri candidati e dalle domande.

Dal 2023 il test di medicina e forse anche quello di veterinaria subirà grossi cambiamenti. Scopri di più su cos’è il test TOLC e come funziona.

Sbocchi professionali

Quali sono gli sbocchi professionali per medicina e veterinaria? La laurea in medicina veterinaria offre la possibilità di lavorare come liberi professionisti nel campo degli animali da compagnia e da reddito, oppure nell’ispezione di alimenti di origine animale e HACCP. Inoltre, si può lavorare nella nutrizione e nel benessere animale, nella ricerca, nelle strutture sanitarie, nell’industria farmaceutica e tanto altro.

Invece, i medici lavorano per lo più nel settore pubblico, in ospedali e altre strutture sanitarie. Tuttavia, anche loro possono lavorare come liberi professionisti, nella ricerca e nella consulenza.

Il dato più significativo è che il tasso di occupazione dei laureati in medicina a 5 anni dal conseguimento della laurea è tra i più elevati, pari al 92,4%, superiore al tasso di occupazione dei laureati in medicina veterinaria, l’89%.

Stipendio

Infine, ti stai chiedendo se vale la pena fare il veterinario dal punto di vista economico o se è meglio scegliere medicina?

Secondo i dati Almalaurea già citati sopra, lo stipendio medio del medico a 5 anni dalla laurea è tra i più alti tra i laureati magistrali a ciclo unico, infatti raggiunge circa le 2.000 euro mensili. Mentre lo stipendio medio del veterinario è di circa 1.430 euro, anche se aumenta di circa 200 euro per i veterinari professionisti con un laboratorio di proprietà.

Inoltre, lo stipendio di un veterinario dipende da tanti fattori, come la località in cui si trova l’ambulatorio, gli animali trattati, i turni, la specializzazione e la tipologia delle visite specialistiche eseguite.

In conclusione, i medici generalmente guadagnano molto più dei veterinari.

È meglio medicina e veterinaria?

Non è possibile dare una risposta univoca a questa domanda, perché molto dipende dalla tua predisposizione e dalla vocazione personale.

Detto ciò, se non hai ancora deciso, ecco 4 cose da fare per capire se per te è meglio medicina o veterinaria:

  1. chiediti cosa ti piacerebbe fare dopo la laurea. Il tuo desiderio più grande è quello di curare le persone oppure di aiutare gli animali, magari collaborando con le associazioni che se ne occupano?
  2. confronta i piani di studio di medicina e veterinaria, guarda quanto sono di tuo interesse e i rispettivi esami. A volte da questo confronto nascono considerazioni interessanti;
  3. valuta le tue abilità personali. Un medico deve instaurare una relazione personale con il paziente e con i suoi familiari e deve essere capace a comunicare in modo empatico e assertivo. Invece, rispetto a un medico il veterinario deve avere maggiore capacità intuitiva;
  4. considera l’impatto emotivo e la responsabilità che dovrai assumerti. Se scegli di lavorare come medico, dovrai lavorare sul tuo equilibrio psichico per evitare il burnout, perché ti renderai conto presto che non potrai aiutare sempre tutti nel migliore dei modi. Se invece scegli veterinaria dovrai prepararti a convivere con la sofferenza degli animali. 

Se vuoi superare i test di ammissione 2022 hai bisogno di un corso di preparazione affidabile ed efficace, come la Summer School WAU! che, dato l’alto numero di iscritti degli anni scorsi, torna con la 7^ edizione di fila, migliorata e aggiornata in base alle novità 2022.

Con il corso estivo WAU! hai tutta la teoria e la pratica per arrivare preparat* ai test: didattica su tutte le materie, divertente e interattiva, inclusa l’Anatomia in Realtà Virtuale; simulatore PRO, ancora più completo; tutor sempre al tuo fianco per rispondere a dubbi, domande e motivarti.

Immagine nel testo di di Annie Spratt su Unsplash

Nadia Plamadeala

Nadia Plamadeala

La comunicazione non è solo il mio lavoro. È il mio mondo. Sono mediatrice interculturale, social media manager, copywriter e brand reputation manager nel settore hospitality. Inoltre, collaboro come giornalista per testate che parlano di intercultura. Le 6 lingue che parlo fluentemente mi danno una grossa mano a spaziare tra temi, settori e interessi degli utenti globali del web.

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU