Cosa portare al test IMAT

cosa portare al test IMAT

Seguici sui social

Sei uno studente straniero o italiano e vuoi studiare medicina in inglese? Come già saprai, la data 2021 del test IMAT è il 9 settembre.

Il bando IMAT 2021 è stato pubblicato il 25 giugno. Per scaricarlo vai alla pagina bandi test di ammissione 2021. Per tutte le novità leggi l’articolo sul bando IMAT 2021.

L’avere più informazioni possibili sulle modalità di svolgimento dell’IMAT aiuta a combattere l’ansia. Ecco perché è utile sapere cosa aspettarti il giorno del test.

Continua a leggere per sapere cosa devi portare il giorno del test di medicina in inglese.

Cosa portare al test IMAT

La cosa più importante da fare è guardare in anticipo dove sosterrai la prova. Nel bando e sul sito dell’università troverai tutte le informazioni su sede e orario del test. Verifica l’indirizzo in anticipo per non rischiare di arrivare in ritardo. Appuntalo insieme al riferimento sull’aula dove si svolge l’accettazione o il test stesso, per risparmiare tempo all’arrivo.

Leggi con attenzione tutti i dettagli: l’orario per presentarti in sede potrebbe precedere di qualche ora quello ufficiale di inizio del test.

Ecco cosa portare al test IMAT 2021:

  • il documento di identità valido. Sono ammessi i documenti con foto, come carta di identità, passaporto o patente di guida. Alcune sedi potrebbero richiedere ulteriori documenti, per esempio il permesso di soggiorno ai candidati residenti in Italia che non hanno la cittadinanza italiana;
  • la ricevuta di iscrizione a Universitaly che ti è arrivata via email;
  • la ricevuta di pagamento della tassa di iscrizione;
  • il green pass, in formato digitale o cartaceo. Clicca qui per sapere come ottenere la certificazione verde;
  • l’autodichiarazione Covid, datata e firmata con allegata copia di un documento di identità valido;
  • mascherina FFP2.

IMAT cosa portare di utile

Ci sono alcuni oggetti non obbligatori che però ti faciliteranno molto la vita durante il test IMAT. Cosa portare di utile? Ecco alcuni consigli:

  • un orologio analogico, quelli digitali o gli smartwatch non sono ammessi in sede di esame. L’orologio ti aiuterà a gestire il tempo.
  • qualche snack nel caso di calo zuccheri o di pressione per lo stress;
  • una felpa, perché i locali dell’ateneo possono essere condizionati;
  • una bottiglietta d’acqua, l’ansia potrebbe farti soffrire la sete;
  • gel disinfettante, dato che toccherai penne e materiali;
  • gomme da masticare che aiutano a concentrarsi;
  • fazzoletti, sempre utili.

Pensa alle cose che ti servono nel quotidiano e portale con te. Per esempio, se indossi le lenti a contatto, portane un paio non usato e anche gli occhiali. Lo stesso vale per i medicinali. Meglio prevedere ogni imprevisto piuttosto che compromettere il successo al test.

IMAT: cosa è vietato portare

Quali sono invece gli oggetti non ammessi in sede di esame? Ecco cosa è vietato portare al test IMAT:

  • penne, matite o qualsiasi altro materiale di cancelleria che non ti sia stato fornito dal personale in sede di esame
  • testi scolastici, nonché riproduzioni anche parziali di essi
  • qualsiasi materiale di consultazione
  • webcam o strumenti simili
  • appunti manoscritti
  • telefoni cellulari
  • fogli in bianco
  • smartphone
  • smartwatch
  • auricolari
  • manuali
  • palmari
  • tablet

Come vedi, non puoi portare nulla che possa essere considerato materiale di aiuto rispetto alle tue conoscenze, pena esclusione dal test IMAT. Potrai contare solo sulle tue forze e su quello che hai studiato per superare il test di medicina in inglese. Sapere tutto sul giorno del test è importante, ma quello che conta di più è lo studio efficace nei mesi precedenti.

Iscriviti ai corsi di preparazione ai test di ammissione 2022. I corsi WAU! comprendono videolezioni, quiz, simulazioni, manuali e in più il supporto prezioso dei nostri esperti docenti e dei tutor, sempre pronti a rispondere ai tuoi dubbi e darti la motivazione giusta per prepararti con successo al test.

Immagine in evidenza di Mark Fletcher-Brown su Unsplash

Nadia Plamadeala

Nadia Plamadeala

La comunicazione non è solo il mio lavoro. È il mio mondo. Sono mediatrice interculturale, social media manager, copywriter e brand reputation manager nel settore hospitality. Inoltre, collaboro come giornalista per testate che parlano di intercultura. Le 6 lingue che parlo fluentemente mi danno una grossa mano a spaziare tra temi, settori e interessi degli utenti globali del web.

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU