Qual è la differenza tra BES e DSA

differenza tra BES e DSA

Seguici sui social

Qual è la differenza tra BES e DSA? Lo chiariamo subito in questo articolo a vantaggio dei docenti che stanno approfondendo le loro competenze in questo ambito e dei genitori che devono affrontare il problema di un figlio che manifesta delle difficoltà in ambito scolastico.

Tuttavia, prima di spiegare che differenza c’è tra BES, DSA e ADHD, ci teniamo a fare una precisazione. Tutti gli studenti sono molto più di una sigla. Anche in presenza di una diagnosi che certifica un determinato disturbo, non bisogna mai considerare la persona come una categoria standardizzata.

Piuttosto, è importante individuare le specificità di quell’individuo. Solo così sarà possibile elaborare per lui un percorso formativo veramente efficace.

Differenza tra BES e DSA

Differenza tra BES e DSA

La sigla BES è l’acronimo di Bisogni Educativi Speciali.

I bisogni educativi speciali includono i seguenti possibili casi:

  • alunni con disabilità certificata secondo la legge n. 104 del 1992, per i quali è previsto il docente di sostegno se è presente la certificazione della diagnosi del disturbo;
  • bambini e ragazzi con certificazione di diagnosi di DSA, disturbi specifici dell’apprendimento relativi alle capacità di lettura, scrittura, calcolo numerico, più noti come dislessia, disgrafia, disortografia, discalculia;
  • studenti con diagnosi di ADHD, disturbi del linguaggio, della coordinazione motoria o non-verbali, ad esempio i bambini e ragazzi che presentano deficit del linguaggio, anche non verbale, dell’attenzione, iperattività;
  • alunni che si trovano in situazioni di svantaggio socioeconomico, culturale o linguistico. In questo ultimo caso lo studente non ha un disturbo psichico o fisico, ma si trova in una condizione svantaggiosa individuata attraverso elementi oggettivi, come una segnalazione fatta dagli assistenti sociali. Questi alunni devono essere seguiti con particolare attenzione in quanto si trovano in una situazione che potrebbe rallentare il loro percorso formativo. Ad esempio, vivono in condizioni di particolare povertà oppure non parlano bene l’italiano.

Da questo elenco è chiaro che i DSA rientrano tra i BES, mentre spesso vengono considerati come completamente separati.

Differenza BES e DSA: PEI o PDP

Per gli alunni con una certificazione di disabilità ai sensi della legge 104/92, viene elaborato il PEI, Piano Educativo Personalizzato.

Invece, per gli alunni con diagnosi di DSA, è previsto il PDP, Piano Didattico Personalizzato.

Nel caso di alunni con diagnosi di ADHD o per gli studenti che si trovano in condizioni svantaggiose, sarà la scuola a decidere se ricorrere al PDP.

Infatti, il Consiglio di Classe può ritenere non necessario il PDP, dato che è possibile personalizzare il percorso formativo anche attraverso strumenti informali. Tuttavia, è importante che il consiglio verbalizzi sempre per quali motivi ha scelto di non elaborare un piano educativo strutturato.

Leggi la nostra guida su come compilare il PDP per i DSA.

Esame di stato e differenza DSA BES

Capire la differenza tra BES e DSA e quando redigere il PEI, il PDP oppure faremo a meno del piano personalizzato ma prevedere comunque delle misure di sostegno per l’alunno, è molto importante per gli esami di stato, in modo che si svolgano nel rispetto di tutte le norme previste per questi alunni.

Infatti, in caso di certificazione di DSA, la valutazione e la verifica di quanto appreso devono essere fatte tenendo in considerazione il disturbo.

In pratica, durante le prove scritte i DSA possono utilizzare gli strumenti compensativi previsti nel PDP, come gli strumenti informatici usati anche durante le verifiche in classe, oppure i dispositivi per l’ascolto, la sintesi vocale, etc.

Inoltre, sia per l’esame di stato che per i concorsi, è previsto che i DSA abbiano a disposizione più tempo. Anche per le prove orali possono essere previsti particolari accorgimenti sulla base delle indicazioni fornite dal consiglio di classe. Oppure le prove scritte possono essere sostituite con gli orali.

Per quanto riguarda i BES individuati dal consiglio di classe senza certificazione ma per i quali comunque è stato predisposto un PDP, la commissione d’esame dovrà tener conto di quanto indicato dai docenti.

Di norma, in questi casi non è previsto il ricorso a misure dispensative mentre sono ammessi gli strumenti compensativi usati dall’alunno durante l’anno scolastico.

Differenza BES DSA: normativa

La normativa a cui fare riferimento se si ha bisogno di approfondire gli aspetti relativi a BES e DSA, comprende i seguenti testi:

  • per i BES, la legge 104 del 1992;
  • per i DSA, la legge 170 del 2010 e il D.M. n. 5669 del 12 luglio 2012;
  • per gli alunni in condizioni svantaggiose, la CM MIUR n. 8-561 del 6 marzo del 2013, ambito dello svantaggio socioeconomico, linguistico e culturale.

Leggi anche la guida sulla legge 170 del 2010 sui DSA.

Sei un genitore con tanti dubbi e domande? Oppure un docente e hai bisogno di approfondire le tue competenze? In entrambi i casi, puoi rivolgerti al centro di educazione e sostegno allo studio di Sassari, Gli improbabili, punto di riferimento per tutto il Nord Sardegna per le problematiche di apprendimento, le lacune formative, l’aspetto motivazionale connesso allo studio, la formazione di docenti e genitori.

Immagine in evidenza OpenClipart-Vectors da Pixabay

Paola Pala

Paola Pala

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU