Chat with us, powered by LiveChat

I 5 sbocchi professionali più richiesti per chi si laurea in Fisioterapia

Frequenti il corso di laurea di Fisioterapia ma non sai quale strada potrai intraprendere una volta finiti gli studi? Ecco alcune possibilità

L’ambito sanitario è un mondo che affascina gran parte dei maturandi, i quali in massa si iscrivono ai test d’ammissione di tutte le facoltà che fanno parte di questo settore. Veterinaria, Professioni Sanitarie, Medicina, Logopedia, Fisioterapia e molte altre sono facoltà i cui test di ammissione contano sempre più iscritti. In parallelo a questo aumento di interesse per il settore sanitario c’è anche una più elevata richiesta di personale medico e ospedaliero. Andiamo quindi ad analizzare la situazione.

Laurea in fisioterapia, una delle più utili

Il fisioterapista è un operatore sanitario che si occupa della cura e della riabilitazione delle funzioni motorie e della prevenzione e correzione dei difetti posturali. Già leggendo questa frase ti verrebbe voglia di iscriverti a questo corso di laurea. Ecco però un’ulteriore considerazione che potrebbe interessarti.

Una recente indagine di Unioncamere (Unione italiana delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura) ha dimostrato che la laurea in Fisioterapia è tra le prime cinque più utili. Infatti, la professione di Fisioterapista è richiesta in numerosi settori e la cosa più importante è che va oltre il dipendente ospedaliero. Come vedremo, c’è una serie di possibilità lavorative che un fisioterapista può cogliere, che abbracciano tanti campi. Quella del fisioterapista è una figura professionale molto richiesta dal mercato del lavoro. Il neolaureato può trovare impiego in strutture sia pubbliche come le ASL sia in strutture private come cliniche, centri di riabilitazione, palestre, centri benessere e case di cura.

Hai una laurea in fisioterapia? Ecco dove potresti lavorare

Se hai una laurea in Fisioterapia e ancora fatichi a vederti in un determinato campo questi sono cinque dei tanti ruoli che un fisioterapista può assumere. Pondera bene la tua scelta, sarà una delle più importanti della tua vita.

Non voglio enfatizzare troppo il concetto, ma se ci pensi questa scelta determinerà il tuo lavoro e quindi la tua vita. Pensaci due, tre, cinque, dieci volte prima di scegliere ed esamina tutti gli aspetti.

1. Il fisioterapista dipendente in associazioni sportive

Questa è una figura molto importante e con tantissime responsabilità. Gli ambiti sportivi sono ovviamente vari, dal calcio al basket passando per l’atletica leggera. L’importante è che tu ti renda conto di avere sulle spalle la responsabilità di far rendere al 100% ogni atleta. E non è poco. Anche solo sbagliando una scelta, rischi di compromettere sia la tua carriera che la carriera degli atleti.

2. Il fisioterapista dipendente in una casa di cura

Lavorare come fisioterapista in una casa di cura  fornisce molte soddisfazioni personali, che ti fa crescere come persona. Puoi testare ogni giorno i miglioramenti dei tuoi pazienti, aiutarli fino alla completa riabilitazione. È come se aiutassi una parte di mondo che non sta a passo col mondo stesso. Pensaci un attimo. Quanto deve essere bello riuscire a far camminare un signore che fino a poco tempo prima camminava per mezzo delle stampelle?

Tanto, non credi?

3. Il fisioterapista ricercatore

Se hai la tua laurea in Fisioterapia con specializzazione annessa ma non vuoi proprio smettere di studiare ti consiglio di inserirti nel campo della ricerca. Ci sono degli enti di ricerca che stanno proprio aspettando te e la tua voglia. È come se fossi un manager, da un momento all’altro potresti scoprire qualcosa che stravolga tutto ciò che pensavi prima. Potresti scoprire nuove tecniche per curare in modo migliore, tecniche innovative che verranno poi ricordate associate al tuo nome.

Parallelamente a questo potresti inaugurare il tuo studio privato, con tanto di targetta di ottone all’ingresso con sopra inciso il tuo nome e di coda per prenotare un appuntamento con te.
fisioterapia

4. Il fisioterapista dipendente in uno stabilimento termale

C’è anche la possibilità di svolgere la propria professione di Fisioterapista in uno stabilimento termale. Non ti aspettare però di lasciare il tuo posto di lavoro per andare ad immergerti nei fanghi o per abbandonarti a lunghi massaggi con le pietre calde (ti ho fatto venire voglia di un trattamento, lo so). Il tuo posto lì è di primaria importanza ed anche qui hai in mano praticamente una fetta di mondo.

Tu servi a quelle persone e loro servono a te per le tue gratificazioni personali.
5. Il fisioterapista autonomo e indipendente

La cosa bella di questo lavoro è che non hai nessun capo sopra di te, nessuno che ti sgridi. Anzi, un capo devi averlo e anche bello tosto. Devi essere tu stesso. Penserai che sia la professione più banale da esercitare dopo la laurea in Fisioterapia, ma ti sbagli di grosso. Qui si vede chi è un buon fisioterapista e chi uno mediocre. Decidi tu se renderti disponibile per delle visite a domicilio, decidi tu se aprire uno studio specializzato, decidi tu se aprirlo in compartecipazione con altri fisioterapisti.

Decidi tutto tu, appunto per questo è uno degli sbocchi lavorativi più impegnativi.

Mario Affatato

Mario Affatato

 

Studente di Medicina, faccio parte dello staff di WAU da poco ma mi sento a casa.
Marcet sine adversario virtus.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Cosa devi sapere per diventare radiologo

Cosa devi sapere se vuoi diventare infermiere

Medicina o professioni sanitarie? Tu hai già scelto?

WAU

WAU

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU