Aggiunto al carrello!

Come iscriversi all’IMAT per non UE 2023

Leggi questo articolo se sei uno studente non UE, equiparato o residente all’estero, interessato a sostenere l’IMAT 2023, il test per l’accesso a medicina in inglese in programma il 17 ottobre.

A seguire ti spieghiamo come funziona l’iscrizione all’IMAT 2023 per non UE.

Differenza tra studenti non UE equiparati e non

Innanzitutto, è importante capire la differenza tra i candidati non UE equiparati e quelli residenti all’estero.

I requisiti per essere considerati candidati non UE equiparati sono:

  • avere la cittadinanza in un Paese non UE ma essere in possesso di uno dei seguenti permessi di soggiorno rilasciati dal Governo italiano per:
    • carta di soggiorno Articolo 50 TUE – Art 18.4 Accordo di recesso UE-UK;
    • asilo politico o protezione sussidiaria o motivi speciali;
    • lavoro subordinato, autonomo o per investitori;
    • atti di particolare valore civile;
    • soggiornanti di lungo periodo;
    • motivi familiari;
    • motivi religiosi;
    • calamità.
  • avere la cittadinanza in un Paese non UE ma soggiornare regolarmente in Italia da almeno un anno ed essere in possesso di un titolo di studio di scuola secondaria superiore conseguito in Italia che dà accesso al corso di studio scelto;
  • avere la cittadinanza in un Paese non UE, aver conseguito in Italia il titolo di studio che dà accesso al corso di studio prescelto ed essere titolare di un permesso di soggiorno valido per motivi di studio;
  • avere la cittadinanza in un Paese non UE, essere iscritti a un corso di studio in una università italiana, essere titolari di un permesso di soggiorno per motivi di studio valido e intenzione di fare domanda di trasferimento o passaggio per l’anno accademico successivo;
  • avere la cittadinanza in un Paese non UE e fare parte (essi stessi o un genitore o il coniuge) del personale in servizio nelle Rappresentanze Diplomatiche estere e negli organismi internazionali con sede in Italia, accreditati presso lo Stato italiano o la Santa Sede.

Invece, i candidati non UE non equiparati sono cittadini di un Paese non UE, residenti fuori dall’Italia o comunque non in possesso dei requisiti per essere equiparati ai cittadini UE. Anche i cittadini del Regno Unito residenti fuori dall’Italia sono considerati “cittadini non UE residenti all’estero”.

Fai attenzione, nel caso di candidati con doppia cittadinanza, una delle quali italiana o di altro Paese UE, prevale la cittadinanza italiana o quella del Paese UE.

Iscrizione all’IMAT per non UE 2023

Come iscriversi all’IMAT? Per iscriverti correttamente al test IMAT 2023 devi leggere attentamente il bando pubblicato dall’ateneo in cui intendi immatricolarti perché la procedura prevede una prima fase comune a tutti i candidati, non UE equiparati e non UE residenti all’estero inclusi, ma ogni ateneo è libero di richiedere agli studenti di fare ulteriori passaggi, più la domanda di visto.

1) La fase comune a tutti i candidati comprende l’iscrizione online alla prova, nella finestra temporale prevista dal bando, dal 18 al 29 settembre 2023, sul portale Universitaly. I candidati devono inserire il proprio indirizzo di posta elettronica e indicare, in ordine di preferenza, le sedi universitarie per le quali concorrono e l’eventuale possesso di una delle certificazioni linguistiche elencate nei relativi bandi.

Se il candidato intende sostenere la prova in una sede italiana la prima opzione costituisce automaticamente la sede in cui deve sostenere il test. Nel caso in cui i candidati vogliano sostenere la prova all’estero, devono scegliere una sede estera tra quelle disponibili. Vai all’elenco degli IMAT test centres.

A conclusione della prima fase, bisogna procedere con il pagamento del contributo di partecipazione all’IMAT, secondo le modalità pubblicate su Universitaly.

2) A seguire, i candidati UE equiparati e non UE residenti all’estero potrebbero dover completare altri passaggi. Ad esempio, il candidato non UE equiparato che intenda frequentare il corso di laurea in Medicine and Surgery presso l’Università di Bologna, deve collegarsi al sito Studenti Online e registrarsi all’IMAT come “cittadino non UE equiparato”. Invece, il candidato non UE residente all’estero deve registrarsi come “cittadino non UE residente all’estero”.

Come presentare richiesta di visto

I candidati non UE residenti all’estero devono fare domanda di visto di studio in ingresso, inclusi gli studenti cinesi del progetto Marco Polo.

Nello specifico, devono presentare domanda di preiscrizione per il corso di studio al quale intendono immatricolarsi tramite Universitaly e richiedere un visto per studio alla rappresentanza diplomatica italiana competente, in tempo utile per:

  • sostenere l’IMAT, nel caso abbiano bisogno di visto anche per brevi soggiorni in Italia;
  • completare l’immatricolazione.

Per informazioni aggiornate e dettagliate sul visto, vai al sito dedicato agli studenti stranieri che vogliono studiare in Italia.

Come prepararsi all’IMAT

Per prepararti all’IMAT e superate il test per medicina in inglese, ti suggeriamo di:

  • studiare su libri per il test di medicina specifici, come quelli Edizioni Simone WAU;
  • rifare i test IMAT degli anni precedenti;
  • esercitarti con quiz e simulazioni IMAT. Iscriviti gratis alla piattaforma WAU dove trovi decine di risorse gratuite per studiare e fare pratica;
  • seguire un corso IMAT. WAU organizza più tipologie di corsi di preparazione per soddisfare le differenti esigenze degli studenti.

Leggi anche:

Cos’è l’IMAT

Come iscriversi all’IMAT

Come studiare per superare l’IMAT

IMAT punteggio minimo

Come funziona la graduatoria IMAT

Come immatricolarsi a medicina in inglese dopo l’IMAT

 

Immagine in evidenza di Sasin Tipchai da Pixabay

Vuoi superare l’IMAT?  Scegli un corso specifico per il test di medicina in inglese.

Cosa è incluso? Lezioni di inglese tecnico-scientifico, esercitazioni su tutte le materie e simulazioni.

Con i corsi WAU sei “ammesso o ripreparato”: se non passi il test hai diritto alla piattaforma WAU per altri 12 mesi. 

stemma corsi di preparazione per l'IMAT

Tag articolo

Iscriviti alla newsletter WAU

Potrebbero interessarti:

Condividi questa pagina

Come iscriversi all’IMAT per non UE 2023