Come superare l’IMAT con i consigli dell’esperto

come studiare per superare l’IMAT

Seguici sui social

Per comprendere l’IMAT occorre un cambio di prospettiva.

È con queste parole che Jacopo D’Andria Ursoleo, esperto di didattica dell’inglese e autore del manuale Medical and Scientific English (Pearson, Milano 2020), mi spiega i segreti dell’IMAT, il temutissimo test di medicina in inglese.

L’IMAT, International Medical Admissions Test, come sai, è la prova che il Ministero dell’Università somministra a tutti gli aspiranti camici bianchi che desiderano studiare Medicina e Chirurgia in lingua inglese in Italia. La prova viene redatta dagli esperti di Cambridge Assessment Admissions Testing sulla base delle indicazioni ministeriali.

IMAT
I consigli di Jacopo D'Andria Ursoleo

I 4 migliori consigli per superare l’IMAT

1. Il primo consiglio da cui partire

L’IMAT, la versione internazionale del BMAT, è assimilabile a un competitive exam: un test nel quale occorre rispondere bene a quante più domande possibile in un intervallo di tempo limitato. 

Di qui l’esigenza di esercitarsi continuamente. L’esame cambierà ogni anno, ma avrà sempre un pattern di domande precostituito, che tenderà a ripetersi. La chiave sta nell’allenamento.

2. Un consiglio esclusivo per superare l’IMAT?

Fai simulazioni impiegando un tempo inferiore rispetto a quello dell’esame. 

Quando studi a casa sei in un environment didattico che tende a eliminare il cosiddetto filtro affettivo negativo: ti trovi nella tua zona di comfort. Invece, quando vai a sostenere l’IMAT non sei più in un luogo protetto, ma in una situazione ansiogena. 

Devi arrivare all’esame e dare il massimo, bilanciando ansia e stress. L’ansia è sintomo di coscienziosità ma non deve bloccarti. “Never mind and go on” è il mio mantra. 

Non perdere tempo se non trovi una risposta: forse stai guardando la domanda dalla prospettiva sbagliata. Ci tornerai in seguito. Chi si ferma è perduto.

3. Chi ha il C2 di inglese è avvantaggiato nell’IMAT?

L’IMAT non è un esame di inglese e non valuta le conoscenze linguistiche. Poco importa che tu abbia il B2 o il C2.I ragazzi che escono dalla scuola superiore non dovrebbero avere grandi difficoltà a capire le tracce. 

In più, noi italiani siamo fortunati perché il nostro linguaggio scientifico è simile a quello inglese. In linguistica si parla di cognates perché il linguaggio tecnico inglese si può anche comprendere per consonanza. Le parole mitochondrion e mitocondrio ne sono la dimostrazione. 

In merito alle domande di logica, la tipologia Cambridge presenta quesiti volti a esaminare la comprensione di brevi testi sul piano linguistico formale. La difficoltà non è tanto nei lemmi utilizzati ma nel coglierne il significato profondo e nel contestualizzarli. Consiglio quindi di ripassare benissimo le congiunzioni coordinative e avversative.

4. Perché in molti pensano che il compito scritto da Cambridge sia strano?

Per capire l’IMAT serve un cambio di prospettiva. Faccio l’esempio delle lenti di Kant: l’occhiale che indossiamo condiziona il modo di vedere le cose. 

La biologia e la chimica che i ragazzi inglesi studiano son le stesse che affrontiamo noi. Ciò che cambia è il modo di testare. Quello di Cambridge Assessment Admissions Testing è un approccio inquiry-based che sprona a chiedersi il perché delle cose. Per loro, la conoscenza è come una piramide: studiare un argomento è la base della piramide, non il suo apice. 

Cambridge Assessment Admissions Testing valuta le tue abilità speculative. Una conoscenza di “fede” potrà rivelarsi utile in futuro; ma comprendere la ragione profonda delle cose è l’arma vincente. 

Ci auguriamo che questi consigli ti siano utili per capire se iscriverti all’IMAT e come studiare. 

Noi di WAU! lavoriamo da oltre 10 anni per aiutare tutti coloro che desiderano diventare i medici a realizzare il loro sogno.

Scopri i corsi online di preparazione ai test di ammissione 2021 di WAU!, disponibili in più pacchetti: solo pratica, completo o con la Summer School di medicina inclusa.

Il corso completo comprende:

  • 75 ore di didattica su tutte le materie del test: biologia, chimica, matematica, fisica, logica, cultura generale
  • 80 ore di pratica: test di valutazione, simulazioni live con correzione, quiz duello, esercitazioni mirate
  • quattro manuali di teoria e il libro di simulazioni I
  • 14 ore di Tecniche di apprendimento e memoria
  • ebook, statistiche e media dei punteggi
  • +80 ore di videolezioni già disponibili
  • 20 simulazioni live con correzione
  • piattaforma con 25 simulazioni
  • Masterclass Logica per private
  • Masterclass Cultura Generale
  • 1h di tutoraggio individuale
  • anatomia in Realtà Virtuale
  • 14 ore di metodo di studio
  • gruppi di studio h 24
  • 16.000 quiz

Se sei in quarta superiore Summer School di medicina in omaggio!

Immagine in evidenza di Ian Panelo da Pexels

Alessio Cozzolino

Alessio Cozzolino

Sono Alessio, frequento l'ultimo anno del Liceo Classico di Oristano. Curioso per natura, amo scrivere: a 14 ho iniziato a collaborare con il Corriere della Sera sui temi adolescenza e ambiente. I miei articoli sono stati pubblicati anche su La Repubblica, Skuola.net e La Voce di New York. Il mio sogno? Diventare medico.

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU

Capitale sociale Euro 5.000 i.v. REA SS - 184606 Sede legale: Via De Gasperi, 7 07100 Sassari - Italia P.iva/C.F. 02542830902

accedi alla tua wauniversity

WAU test: preparati al test e diventa un professionista della salute.

WAU concorsi: preparati per il concorso e diventa un docente.

WAU test: preparati al test e diventa un professionista della salute.

WAU concorsi: preparati per il concorso e diventa un docente.

Scegli la tua wauniversity

– WAU test è la piattaforma per superare il test e diventare un professionista della salute.

– WAU concorsi è la piattaforma per vincere il concorso e realizzare il sogno di essere un docente.

– WAU test è la piattaforma per superare il test e diventare un professionista della salute.

– WAU concorsi è la piattaforma per vincere il concorso e realizzare il sogno di essere un docente.