I consigli per studiare matematica e fisica per i test di ammissione

matematica e fisica per test medicina

Seguici sui social

È il mantra di ogni insegnante di matematica: “I numeri sono ovunque”. E sì, pure nei test di accesso a medicina, veterinaria e professioni sanitarie non manca la sezione dedicata alla matematica e alla fisica.

Questa parte si compone di 8 domande che valgono 12 punti, inerenti ai programmi svolti, idealmente, alle scuole superiori. Pertanto, studiare matematica e fisica è necessario per superare l’esame di ammissione a medicina.

In questo articolo ho cercato di capire come studiare matematica e fisica per i test con l’aiuto di Federico Mulas, studente di Medicina e Chirurgia all’Università di Sassari e storico collaboratore e tutor ai corsi WAU!.

Come studiare matematica e fisica per i test di ammissione

1. Come impostare lo studio di matematica per gli esami?

Iniziare a studiare matematica e fisica per il test può sembrare un ostacolo insuperabile. Tuttavia, bisogna ricordare alcuni punti chiave nella preparazione, utili ad agevolare lo studente nello studio.

Un aspetto fondamentale che molti dimenticano è che il test non è un’interrogazione orale, dunque non bisogna essere rigorosi nella preparazione teorica. Non è necessario studiare ogni singolo enunciato a memoria, ma è più importante comprenderne il significato e saperlo applicare. Lo stesso discorso vale per le formule.

Per farla breve, è fondamentale ricordare le formule e i concetti teorici nel modo più semplice possibile, ad esempio tramite l’ausilio di mnemofrasi.

2. Che consiglio puoi dare sui libri di matematica e fisica per il test?

Personalmente, ho sempre avuto un’ottima base delle materie scientifiche, grazie alla scuola superiore. Però, anche io ogni tanto ho dovuto rispolverare qualche libro di testo per rivedere formule e definizioni.

Per quanto riguarda il libro di matematica e fisica per il test di medicina, consiglio sempre di utilizzare un manuale che arriva “dritto al punto” nella spiegazione di un concetto. Il manuale Simone WAU! sicuramente lo fa, rendendo ogni argomento di facile comprensione sia per chi lo affronta la prima volta sia per chi che cerca di approfondirne la conoscenza.

Ecco il libro scritto dagli esperti di WAU!, Pier Paolo Saba e Sara Grillo, per affrontare con successo tutti i tipi di quiz di matematica e fisica, anche quelli più insidiosi. Clicca sull’immagine per saperne di più.

3. Puoi svelare qualche trucco per fissare meglio concetti e formule?

Il primo è quello delle mnemofrasi. Sono state fondamentali per me sia nella preparazione al test di ingresso sia nello studio universitario. Il segreto? Crearle da sé, in modo da ricordarle più facilmente, anche tramite associazioni buffe o completamente senza senso.

Ad esempio, io ricordavo la formula del calore Q = C*m*T con la frase “Cucimi tu”.

Il secondo consiglio è quello di scrivere su un quaderno la risoluzione di quesiti pratici su cui si hanno difficoltà specificando i passaggi svolti, creando così una sorta di manuale che può aiutare in caso di quesiti simili. Infatti, l’unico vero modo per poter ricordare una formula è quello di applicarla più e più volte nella risoluzione dei quiz.

4. Studiare matematica e fisica è un sacrificio inutile?

Quante volte ho sentito questa frase! Purtroppo, è un concetto radicato nel pensiero di studenti che hanno avuto una pessima esperienza con queste materie.

Anche nella sezione di matematica e fisica dei test di ammissione, può capitare che ci siano dei quesiti semplici. Saltare un’intera sezione significherebbe precludersi la possibilità di guadagnare punti. Infatti, non bisogna dimenticare che non sono i quiz semplici a fare la differenza al test, ma quelli difficili che in pochi risolvono correttamente.

Più esattamente, ricordo a tutti i candidati al test, che 8 domande sono ben 12 punti. Perché a ogni risposta corretta vengono assegnati 1,5 punti. Sono punti preziosi per la graduatoria, sia per rientrarci sia per poter accedere all’ateneo di prima scelta: nel 2020 c’erano proprio 12 punti tra il primo classificato e il tredicesimo. Che è anche la differenza che c’era tra l’ultimo ammesso al primo scorrimento, intorno alla posizione 13 mila, e uno che si ritrova tra i primi 4 mila.

Quindi, il solo svolgere la metà dei quesiti di matematica e fisica può dare una svolta all’esito del test. Per cui non è una strategia corretta quella di rispondere esclusivamente alle domande di biologia, chimica, logica e cultura generale puntando tutto su queste sezioni.

Ci auguriamo che questi consigli ti siano utili per studiare matematica e fisica in modo più facile e veloce.

Noi di WAU! lavoriamo da oltre 10 anni per aiutare tutti coloro che desiderano diventare i medici a realizzare il loro sogno.

Iscriviti ai corsi di preparazione ai test di ammissione 2021. I corsi WAU! comprendono videolezioni, quiz, simulazioni, manuali e in più il supporto prezioso dei nostri esperti docenti e dei tutor, sempre pronti a rispondere ai tuoi dubbi e darti la motivazione giusta per prepararti con successo al test.

Immagine in evidenza di Nothing Ahead da Pexels

Alessio Cozzolino

Alessio Cozzolino

Sono Alessio, frequento l'ultimo anno del Liceo Classico di Oristano. Curioso per natura, amo scrivere: a 14 ho iniziato a collaborare con il Corriere della Sera sui temi adolescenza e ambiente. I miei articoli sono stati pubblicati anche su La Repubblica, Skuola.net e La Voce di New York. Il mio sogno? Diventare medico.

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter WAU

Capitale sociale Euro 5.000 i.v. REA SS - 184606 Sede legale: Via De Gasperi, 7 07100 Sassari - Italia P.iva/C.F. 02542830902